Pornografia: fra i ragazzini è vero e proprio boom

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/05/2015 Aggiornato il 22/05/2015

Sono moltissimi i ragazzi fra i 12 e i 13 anni che hanno già sperimentato in prima persona la pornografia. Ecco in che modo

Pornografia: fra i ragazzini è vero e proprio boom

In passato l’unica trasgressione concessa ai ragazzini era sfogliare le pagine di una rivista porno comprata con la compiacenza di un edicolante indulgente. Oggi, il rapporto fra pornografia e adolescenti è molto più diretto. Grazie al web, i giovani hanno praticamente libero accesso a un database infinito di immagini, film, racconti hard. E, infatti, iniziano molto presto a fare esperienza diretta con una realtà troppo grande per loro. La conferma arriva da una recente ricerca condotta da un gruppo di studiosi britannici, della charity ChildLine.

Già  a 12 anni

Il sondaggio ha coinvolto 700 ragazzini di età compresa tra i 12 e i 13 anni. Tutti sono stati invitati a rispondere ad alcune domande riguardanti il loro rapporto con la pornografia. In particolare, gli autori hanno chiesto loro di dire se avessero mai guardato film o immagini hard, come e in che modo, se si fossero mai messi in gioco in prima persona su questo fronte e quali sensazioni avessero provato in questi casi. Lo scopo era raccogliere il maggior numero possibile di informazioni sul mondo del porno in età adolescenziale.

Ha effetti negativi sull’umore

L’analisi dei risultati ha confermato le intuizioni degli esperti: la pornografia è molto presente nella vita dei ragazzi. Ben un intervistato su cinque ha già visto un film hard in rete e in molti casi gli effetti sono stati negativi. Una buona parte dei ragazzini, infatti, ha dichiarato che in seguito a questa visione si è sentito triste e turbato. “Volevo sposarmi e avere dei figli, ma dopo quelle immagini ho paura che questo non possa più accadere” ha ammesso uno dei partecipanti, mentre una ragazza ha dichiarato il timore di non riuscire a rispondere alle aspettative degli uomini e “di doversi comportare come una pornostar per essere gradita”.

Tutti i rischi

Addirittura il 12% dei giovani coinvolti nell’indagine ha postato su Facebook  o pubblicato su altri social network video sessualmente espliciti. Si tratta di un comportamento molto rischioso sotto molti punti di vista. Innanzitutto, espone i ragazzi a diversi pericoli, fra cui quelli di essere notati da persone con scopi poco nobili. In secondo luogo, può rovinare la loro reputazione, anche nel lungo periodo, considerato che ciò che viene messo in rete praticamente lo rimane per sempre.

La campagna di sensibilizzazione

Alla luce di questa situazione, ChildLine ha promosso una campagna di sensibilizzazione sui rischi connessi a un’esposizione precoce e senza controlli alla pornografia. “Un video di 10 minuti ha conseguenze molto durature” ha ammesso il direttore della charity, Peter Liver, sottolineando l’importanza di educare i giovanissimi su concetti come amore, consenso, rispetto.

 

 

  

In breve 

IL RUOLO DEI GENITORI

Per limitare l’accesso dei ragazzi ai siti e ai contenuti che hanno un legame più o meno esplicito con la pornografia serve un maggior controllo da parte dei genitori. Mamma e papà devono trasmettere ai figli certi valori e costruire con loro un rapporto basato sul dialogo, ma anche verificare ciò che guardano una volta che sono online può essere utile.  

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti