Prima sigaretta: tanti giovani l’hanno accesa durante la pandemia

Pamela Franzisi A cura di Pamela Franzisi Pubblicato il 15/10/2021 Aggiornato il 15/10/2021

La pandemia fa dilagare i comportamenti dannosi per la salute, specie tra i giovani: tanti hanno acceso la loro prima sigaretta durante il lockdown. E non hanno più smesso

Prima sigaretta: tanti giovani l’hanno accesa durante la pandemia

Perché accendere la prima sigaretta? Sono principalmente psicologiche e sociali le motivazioni che spingono gli adolescenti e i giovani a fumare. E dietro, in genere, c’è la voglia di ribellione e l’errata convinzione di sentirsi più adulti con un mozzicone in bocca. ll lockdown ha avvicinato ancora di più giovani ai prodotti da fumo.

Più fumatori dopo il Covid-19

Tanti giovani tra i 18 ed i 34 anni hanno iniziato a fumare con la loro prima sigaretta durante il periodo di isolamento. La quota di fumatori in questa fascia d’età è passata dal 21,5% al 26,8%. È quanto emerge dai dati del Cancer research britannico pubblicati sulla rivista Addiction. La ricerca ha indagato i giovani sui cambiamenti di vita durante il periodo di lockdown a causa del diffondersi del Covid-19, come l’igienizzazione delle mani, le abitudini alimentari, il consumo di alcol e il fumo. Quindi è venuto fuori che 652 mila giovani in più fumavano nella primavera 2020 rispetto al periodo pre-Covid

Stress e noia hanno avvicinato al fumo

“Il primo lockdown è stato un evento senza precedenti per quanto ha cambiato le abitudini quotidiane delle persone”, ha dichiarato l’autore principale dello studio Sarah Jackson, della University college London. “Abbiamo visto che molti fumatori (specie tra le persone più in là con gli anni) hanno colto l’occasione per smettere di fumare, che è fantastico. Tuttavia il primo lockdown è stato un periodo di grande stress per molte persone e noi abbiamo visto un aumento del fumo e del consumo di alcolici tra le persone più duramente colpite dalla pandemia, come i ragazzi” ha concluso.

 
 

Da sapere!

LE 4 CAUSE DELLA PRIMA SIGARETTA

I giovani iniziano a fumare per i seguenti motivi:
– curiosità e ribellione;
– sentirsi parte di un gruppo;
– apparire grandi;
– dipendenza.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti