Psicosi indotte da sostanze: casi in pericoloso aumento

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 07/07/2017 Aggiornato il 07/07/2017

Picco di casi di psicosi indotte da sostanze: negli ultimi 5 anni +40%. Violenza, allucinazioni e deliri persecutori sono alcuni dei sintomi cui prestare molta attenzione

Psicosi indotte da sostanze: casi in pericoloso aumento

Esplosioni di violenza, allucinazioni e deliri persecutori: sono alcuni dei sintomi delle psicosi indotte da sostanze, scatenate appunto  dall’abuso di droghe come cocaina, cannabis e amfetamine. Ne hanno parlato gli esperti riuniti a Milano in occasione della settima edizione del Forum biennale internazionale ‘Innopsy’ (Innovazione in psichiatria), sottolineando come questa condizione interessi ragazzi sempre più giovani: “Gli under 18 che arrivano all’attenzione degli specialisti sono sempre più numerosi”.

Conseguenze molto gravi

Per questa problematica – fanno notare i medici – si può finire in clinica psichiatrica anche a 16 anni, le ricadute sullo sviluppo del cervello e sulle capacità cognitive possono essere anche molto gravi e recuperare le funzioni perdute può essere molto complicato (e, in alcuni casi, impossibile).

Un problema emergente

Spiega Alfredo Carlo Altamura, direttore del Dipartimento di neuroscienze e salute mentale dell’Irccs Policlinico di Milano e professore ordinario di Psichiatria all’università Statale: “quello della psicosi indotta da sostanze  è un problema emergente, si può parlare di una diagnosi nuova. I casi sono in aumento: secondo i nostri dati, queste forme negli ultimi 5 anni sono aumentate di circa il 40%”

Cocaina e cannabis

I ricercatori guidati da Altamura hanno esaminato casi di psicosi indotte da uso soprattutto di cocaina e cannabis, ma anche amfetamine. “Abbiamo potuto osservare un’alterazione dei sistemi di trasmissione del cervello nella zona dei lobi frontali e temporali”. Altamura sottolinea che nel cervello di chi sviluppa psicosi indotte da sostanze “si vedono modificazioni specifiche, diverse da quelle della schizofrenia e di altri disturbi di malattia mentale psicotica. Tutto questo deve far paura – continua l’esperto -: sono forme di una certa gravità e se c’è familiarità per il disturbo bipolare o per la schizofrenia diventano distruttive. È un rischio cui questi giovani possono inconsapevolmente andare incontro”.

Il ruolo del Dna

“Questi quadri psichiatrici – conclude Altamura – si possono sviluppare anche a distanza di anni da quando si è fatto abuso di sostanze e si innestano sulla base di una suscettibilità genetica, ma se non ci fosse l’uso di droghe non esploderebbero. Ecco perché è importante evidenziare l’impatto crescente della problematica”.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Il cervello di un ragazzino è meno protetto rispetto all’adulto di fronte all’impatto di sostanze psicostimolanti, come la cocaina, ma anche la cannabis da sola.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Dopo il vaccino niente farmaci per più di un mese?
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'indicazione di non somministrare alcuna medicina (escluso l'antifebbrile) nelle sei settimane successive alla vaccinazione è scorretta.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti