Psoriasi: colpiti quattro adolescenti su dieci

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/09/2016 Aggiornato il 08/09/2016

Per bambini e ragazzi colpiti dalla psoriasi serve una particolare attenzione nel limitare il disagio psicologico, particolarmente pesante sui più piccoli

Psoriasi: colpiti quattro adolescenti su dieci

La psoriasi è una malattia invalidante che si presenta come uno stato di instabilità di crescita dell’epidermide. Numerosi bambini e adolescenti ne soffrono. Secondo le stime dell’Oms (Organizzazione mondiale della sanità), la psoriasi colpisce lo 0,7% dei bambini, con pesanti effetti di tipo psicologico e relazionale. È importante, perciò, che i piccoli pazienti vengano seguiti in centri specializzati.

Prima dei sedici anni

Nel 40% dei casi la psoriasi compare prima dei 16 anni. Se la malattia si afferma in età pediatrica può aggravarsi in età adulta. Il problema è che il trattamento è assai limitato perché i farmaci utilizzati per gli adulti non possono essere usati nei bambini. Per affrontare il problema, un gruppo di ricercatori italiani ha elaborato il progetto  “La psoriasi: una patologia cutanea multiorgano. Nuovi paradigmi e strategie di tutela assistenziale”.

Effetti psicologici e relazionali

La psoriasi può incidere in modo importante sulla qualità della vita negli adolescenti, anche per il disagio e l’isolamento causati dalla vergogna delle macchie cutanee e le discriminazioni di chi la ritiene contagiosa. “Le lesioni tipiche della psoriasi possono avere un impatto invalidante sul fisico e sulla psiche, proprio perché spesso interessano zone visibili come volto e mani – spiega Anna Belloni Fortina, responsabile della Dermatologia pediatrica dell’Azienda ospedaliera-Università di Padova -. Nelle persone affette da psoriasi in età pediatrica è particolarmente importante l’impatto della patologia sulla sfera emozionale. I bambini e i ragazzi possono manifestare maggior disagio per la propria condizione, soprattutto nel periodo adolescenziale. Il confronto con i coetanei, a scuola, al mare, in piscina o palestra, nella vita quotidiana al chiuso o all’aria aperta, può essere particolarmente difficile, portando spesso i giovani a nascondere le zone colpite per non essere additati o peggio allontanati dagli amici o dai compagni. Per questo motivo gli adolescenti colpiti da psoriasi necessitano di maggiori rassicurazioni”.

I numeri del problema

Secondo i dati a disposizione, la psoriasi colpisce in Italia lo 0,37 per cento dei bambini tra 0 e 9 anni a poco più dell’1 per cento dei ragazzi tra i 10 e i 18 anni. “È una malattia infiammatoria cronica che, specie in età pediatrica, ha una notevole variabilità per quanto riguarda il decorso, la severità e la durata – prosegue Fortina -. Sappiamo anche che nella sua forma congenita è molto rara e nel 30-40 per cento dei casi registrati fra gli adulti l’esordio della malattia avviene prima dei 16 anni. Sebbene poi le cause di questa malattia non siano ancora del tutto chiare, la familiarità, specie in parenti di primo grado, sembra essere un fattore importante, visto che è presente nel 30-60 per cento dei casi”.  Alcuni studi confermano, infatti, se uno dei genitori è affetto dalla psoriasi, nel 10 per cento dei casi anche il figlio lo sarà, mentre se mamma e papà soffrono di questo disturbo, c’è una probabilità su due che il proprio bambino ne soffra.

 

 

 

 

 

 
 
 

In breve

COME SI RICONOSCE

La forma più comune è la psoriasi cronica a placche, caratterizzata da chiazze squamose arrossate facilmente sfaldabili, che si presentano su gomiti, schiena, ginocchia e cuoio capelluto. Nei bambini è più frequente la psoriasi che si presenta con un’eruzione di piccole chiazze rosate, in genere poco desquamanti. Più grave è l’artrite psoriasica, che se non curata bene può avere conseguenze invalidanti. Pubertà, assunzione di alcuni farmaci, infezioni virali, graffi ed escoriazioni, scottature, infezioni a gola e tonsille e non ultimo lo stress, possono favorire le eruzioni sulla pelle.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutto è ok, ma la gravidanza non si annuncia

21/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragioni per le quali una donna fatica a rimanere incinta sono numerose: l'età matura è una delle principali.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti