Psoriasi: più facile dopo un tatuaggio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2017 Aggiornato il 23/01/2017

Meglio pensarci bene prima di farsi fare un tatuaggio: il brutto regalo del tattoo potrebbe essere la psoriasi. Ecco perché

Psoriasi: più facile dopo un tatuaggio

Gli americani dicono “Think before you ink”, ossia pensa prima di usare l’inchiostro. Un monito nei confronti dei tatuaggi che non sono certo una passeggiata per la pelle. Molti sono, infatti, gli effetti poco piacevoli che possono comparire dopo aver fatto tattoo sul corpo e tra questi c’è anche la psoriasi.

Più a rischio chi già ne soffre

Le persone che già soffrono di questa malattia sono ovviamente più a rischio: secondo i dati, una su quattro vede peggiorare la problematica dopo aver fatto un tatuaggio. Ma non solo: i tatuaggi possono essere persino l’occasione in cui la psoriasi, rimasta latente per molti anni, si manifesti per la prima volta. A distanza di alcune settimane dal tatuaggio, infatti, è possibile che compaiano i segni classici della malattia, come arrossamento e desquamazione della pelle nell’area trattata.

Casi in aumento

Secondo gli esperti del dipartimento di dermatologia dell’Università Federico II, di Napoli i casi di persone sane che hanno sviluppato la malattia a seguito del tatuaggio sono in continuo aumento. L’introduzione di pigmenti nella cute altera l’equilibrio della pelle e può indurre una reazione infiammatoria locale tutt’altro che lieve. Questa reazione può essere il primo passo verso lo sviluppo della psoriasi anche in persone che non hanno mai avuto sintomi in precedenza. In questi soggetti predisposti il tatuaggio può quindi diventare l’elemento scatenante che attiva il sistema immunitario e lo conduce verso la malattia.

Mix di predisposizione genetica e fattori scatenanti

Si stima che almeno il 10% della popolazione abbia uno o due geni che possono favorire la comparsa della psoriasi, ma solo il 2-3% la sviluppi. È necessario, infatti, che la predisposizione genetica si combini con fattori esterni scatenanti che possono essere, per esempio, farmaci oppure infezioni; anche il tatuaggio si sta rivelando un elemento sempre più spesso coinvolto nell’inizio dei sintomi. Ancora più certo che il tatuaggio possa peggiorare una psoriasi esistente in chi ha già avuto la diagnosi.

Un’infiammazione della pelle

Quando la pelle viene traumatizzata, infatti, nell’area si sviluppa una reazione infiammatoria che dà il via alla malattia, con la comparsa di una nuova lesione proprio in quel punto. Il fenomeno, più probabile se la psoriasi è in una fase instabile, può avvenire, per esempio, a seguito di ferite chirurgiche o ustioni, ma anche dopo l’esposizione ad agenti irritanti o perfino a seguito della puntura di insetti. Il tatuaggio ovviamente è sotto accusa dal momento che la procedura porta alla comparsa di una nuova lesione psoriasica a livello dell’incisione e spesso la malattia si aggrava anche in altre zone del corpo. I pazienti con psoriasi dovrebbero perciò essere adeguatamente informati sui rischi del tatuaggio. Gli esperti raccomandano prudenza, consigliando a chi non vuole in alcun modo privarsi di un tatuaggio di farlo molto piccolo e in una zona poco visibile.

 

 
 
 

da sapere!

In genere, i primi sintomi della psoriasi compaiono nel giro di due-quattro settimane dal tatuaggio, ma sono stati segnalati casi in cui la malattia si manifesta anche più tardi. 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti