Pubertà e vita sessuale: a decidere sono (anche) i geni

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/06/2016 Aggiornato il 22/06/2016

Alcune variazioni genetiche influenzano l’età della pubertà che a sua volta influirebbe sulla prima esperienza sessuale e sul concepimento del primo figlio

Pubertà e vita sessuale: a decidere sono (anche) i geni

Pubertà ed età in cui si diventa genitori: nel determinare questi due momenti molto importanti nella vita di ogni persona gioca un ruolo di una certa importanza anche la genetica. Non solo – come si credeva fino a oggi – fattori culturali, sociali, familiari e religiosi. Il “momento” in cui un bambino e una bambina si trasformano in uomo e donna e quello in cui uomini e donne diventano padri e madre sono, in qualche modo, già scritti nei geni di ognuno di noi. A sostenerlo è uno studio pubblicato su Nature Genetics da un gruppo di studiosi dell’Università di Cambridge (Inghilterra) coordinati da John Perry.

In anticipo di 5 anni

Riguardo all’età in cui ha inizio la pubertà, spiegano i ricercatori, un ruolo importante viene certamente giocato da molti fattori sociali e culturali; ma grazie al nuovo studio è ora noto che anche i geni hanno un loro peso, sebbene non sia ancora chiaro in quale misura influiscano. Per quanto riguarda in particolare lo sviluppo sessuale, per esempio, “il nostro studio – spiega Perry – è riuscito a mettere in relazione l’orologio biologico che regola la pubertà soprattutto delle donne, passata dai 18 anni circa nel 1880 ai 13 anni circa nel 1980, con molti altri fattori che determinano l’inizio della vita sessuale“.

Vita sessuale e personalità, alcuni geni in comune

La ricerca, condotta su 380 mila persone, ha dato la possibilità ai ricercatori di scoprire come alcune variazioni genetiche influenzerebbero l’età dello sviluppo sessuale che, a sua volta, influirebbe sulle scelte legate alla prima esperienza sessuale e al concepimento del primo figlio. Gli studiosi hanno identificato in particolare 38 varianti genetiche associate con l’età della “prima volta” e hanno messo in evidenza che sia l’età del primo rapporto sessuale sia l’età in cui si diventa genitori risultano connesse con alcuni geni che agiscono sulla pubertà e con altri che influiscono sullo sviluppo di alcuni tratti della personalità.

 

 

In breve

ANCHE COMPORTAMENTI A RISCHIO

Tra le varianti genetiche individuate c’è una variante del gene Cadm2 che risulta associata a comportamenti più rischiosi, ad avere rapporti sessuali più precoci e non protetti e ad avere un numero maggiore di figli.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti