Purple drank: sciroppo e gassosa per sballarsi è la nuova droga low cost

Pamela Franzisi A cura di Pamela Franzisi Pubblicato il 13/03/2019 Aggiornato il 13/03/2019

Si chiama Purple drank o sballo viola per il suo colore violaceo: è la nuova droga a basso costo e quindi accessibile a tutti a base di sciroppo e gassosa. Gli effetti sulla salute sono devastanti

Purple drank: sciroppo e gassosa per sballarsi è la nuova droga low cost

L’allarme purple drank è partito dal nord Italia, ma sta interessando sempre più anche il Sud e vede coinvolti numerosi giovani nel consumo di un pericoloso mix dannoso per il cervello. Gli effetti della droga sono cantati anche in alcune canzoni dei trapper, i nuovi cantanti rapper che piacciono tanto agli adolescenti.

Un sedativo della tosse

Basta uno sciroppo sedativo della tosse mescolato alla comune gassosa per ottenere una miscela da sballo, il purple drank, appunto. L’ingrediente principale, che si può acquistare in qualsiasi farmacia costa poco: la bevanda ottenuta, spesso consumata in discoteca, è a base di codeina (un derivato della morfina) e di un antistaminico, la difenidramina e produce effetti sedativi e psicoattivi.

Rischio dipendenza

La codeina è rischiosa soprattutto se accompagnata dall’alcol ed, essendo un derivato dell’oppio, può causare dipendenza.  Chi ne fa uso è spesso portato a consumarne sempre di più e sempre più spesso. Le crisi di astinenza provocano irritabilità, insonnia e desiderio irrefrenabile di assumere il farmaco. Secondo gli esperti, poi, bisogna fare attenzione ai pericoli derivanti dall’abuso: dopo oltre trenta giorni di seguito aumenta di molto il rischio di morte prematura, mentre un suo utilizzo costante per sei mesi porta a gravi problemi per il cuore e la circolazione.

 

 

 

 

Da sapere!

Il pericolo del purple drank è dovuto al mix tra due elementi che producono effetti che i ragazzi non sono in grado di controllare.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti