Ragazzi e alcol: un problema da non sottovalutare

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/07/2012 Aggiornato il 09/07/2012

Sono sempre di più gli adolescenti che cercano lo “sballo” del sabato sera. Perché è un comportamento pericoloso e alcuni consigli per i genitori

Ragazzi e alcol: un problema da non sottovalutare

Non è esagerato dire che si tratti di un’emergenza. Ragazzi e alcol: le cifre sono chiare quanto allarmanti. In pochissimi anni il consumo di bevande alcoliche tra gli adolescenti dai 14 ai 17 anni è più che raddoppiato. E il 13 per cento dei quindicenni (tra l’altro, più femmine che maschi) ammette di essersi preso almeno 20 sbronze nella sua vita.

Non è più una trasgressione, anzi…

Ma perché il rapporto tra ragazzi e alcol è così cambiato rispetto alle generazioni precedenti? E soprattutto, che cosa è cambiato?
“Innanzitutto, fino a pochi anni fa bere in modo esagerato alcol era considerata una trasgressione” afferma Edgardo Marziani, pediatra e adolescentologo. “Oggi, invece, è visto come un fatto normale. O meglio, è diventato un modo per dimostrare ai propri amici e compagni di scuola che si è “grandi” e che si è proprio come loro, come tutti. È sempre la “logica del branco” che scatta: se il ragazzino più in gamba, quello che è riconosciuto come il leader del gruppo beve alcolici, ecco che gli amici, per emulazione o voglia di essere considerati, fanno altrettanto”. In pratica, il bere oggi è visto come un fenomeno di moda, segno di socialità e successo.
Altra caratteristica, oggi, del rapporto tra ragazzi e alcol è il fatto che non ci sia il senso della misura – per cui non basta il singolo bicchiere ma si beve smodatamente – e che la sbronza sia confinata quasi sempre nel fine settimana. “È come se i ragazzi cercassero compulsivamente lo sballo del sabato sera” prosegue Marziani. Complice anche il fatto che i giovani hanno margini di libertà ben più ampi che in passato: è più facile avere il permesso di uscire, andare in discoteca, fermarsi a dormire a casa di amici… “La cosa più inquietante, però, è che da un eccessivo consumo di alcol passare a prendere una compressa di ecstasy o un’altra droga, il passo è tante volte breve” afferma ancora l’esperto.

Il ruolo dei genitori

Purtroppo è vero quello che si dice sempre, e cioè che i genitori sono gli ultimi ad accorgersi di quello che sta succedendo ai loro figli. “Sia perché a volte i ragazzini iniziano a consumare alcol in un’età veramente precoce (già dai 12-13 anni!), sia perché sono convinti che sia giusto essere, per così dire, genitori liberali”. Va detto anche che spesso mamma e papà non vogliono vedere il problema o, nel caso, preferiscono sottovalutarlo.
“È facile attribuire ai genitori tante responsabilità, ma se l’educazione e i valori che si trasmettono in famiglia sono sicuramente importanti, dall’altro va considerato che c’è un’età, quella appunto dell’adolescenza, in cui contano molto di più gli amici e le dinamiche del gruppo cui si appartiene o si vuole appartenere” è il parere di Marziani. A questo si aggiunge il fatto che è tipico degli adolescenti voler esplorare nuove esperienze e anche assumersi alti livelli di rischio (dagli sport estremi alle corse in auto…). Sia perché sono alla continua ricerca di emozioni, sia perché, in fondo, si pensano immortali. Quindi, nemmeno i rischi per la salute servono a scoraggiare “gli sballi del sabato sera”.
E tuttavia la famiglia qualcosa può fare per prevenire il rischio dell’abuso di alcol. “Più che diventare improvvisamente dei genitori che vietano o reprimono, è importante che sappiano ascoltare i ragazzi, che cerchino di comunicare con loro (per quanto a volte possa essere faticoso) e che facciano sempre attenzione ai segnali (silenzi compresi) che loro per primi mandano”.
“Soprattutto è importante non banalizzare, non pensare che “una bevuta ogni tanto è una mattana dell’età e che poi passa”. Perché l’abitudine all’abuso di alcol a volte può costare caro” conclude l’esperto.

In breve

Ragazzi e alcol: un problema da non sottovalutare

Sono sempre di più gli adolescenti che, soprattutto il sabato sera, fanno abuso di sostanze alcoliche. Spesso i genitori non se ne accorgono o prendono sottogamba questo comportamento. Perché è un fenomeno così diffuso e alcuni consigli

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti