Ragazzi e pc: quali sono le conseguenze psicofisiche se stanno troppe ore collegati?

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 27/05/2022 Aggiornato il 27/05/2022

L’impatto di tv e pc sui nostri ragazzi è importante e da non sottovalutare, con rischi per la salute psicofisica aumentati quando il tempo trascorso davanti a uno schermo è superiore alle due ore

ragazzi e pc, un rapporto spesso dannoso

Al giorno d’oggi, siamo immersi nella tecnologia. Il cellulare è ormai divenuto un prolungamento del braccio di molti di noi e gli schermi di tv e pc monopolizzano gran parte di ciò che durante la giornata nostri occhi percepiscono. Questa condizione nasconde molti rischi, specie per i nostri ragazzi.

Quali sono i rischi di tv e computer?

Come evidenziato da una ricerca da poco pubblicata sull’American Journal of Preventive Medicine, tv e pc portano problemi seri alla salute psicofisica dei ragazzi. Sono sufficienti poche ore al giorno per compromettere il loro normale equilibrio e rivelare problematiche.

Lo studio ha preso in esame 414.489 studenti dell’Università australiana Queensland e degli atenei canadesi Queen’s University e University of Ottawa, rivelando disturbi come mal di testa, depressione e irritabilità, ma non solo.

Quante ore al giorno si può stare al computer?

Incrociando i dati relativi al tempo di utilizzo di computer e televisione con l’incidenza di disturbi psicosomatici come il mal di testa, la depressione, l’irritabilità, senso di vertigini, insonnia, ma anche dolori addominali, mal di schiena e cattivo umore, si è visto come bastino più di due ore al giorno davanti agli schermi di tv e pc per vedere crescere peggiorare l’equilibrio psichico e fisico dei ragazzi.
Nel dettaglio, i risultati hanno evidenziato come i ragazzi che passano più di quattro ore al giorno davanti alla tv hanno il 67% di probabilità in più di palesare disturbi rispetto a quelli che non superano le due ore. Il dato sale al 71% nelle ragazze.

Allo stesso modo, devono preoccupare le percentuali legate all’utilizzo dei videogiochi. Infatti, in questo caso, il rischio di andare incontro a disturbi psicosomatici nei ragazzi cresce dell’78%, mentre nelle ragazze tocca la punta del 88%.

 

 
 
 

In sintesi

Quante ore al giorno i ragazzi possono usare il pc?

Il consiglio degli esperti per mantenere un buon livello di benessere e non mettere a rischio la propria salute è quello di limitare il tempo trascorso davanti a uno schermo a due ore al giorno.

Ogni quanto bisogna staccare lo sguardo dal pc?

Lo schermo del pc provoca, in primis, stanchezza, rossore e occhio secco, ma può portare anche a disturbi più seri come difficoltà di messa a fuoco e sdoppiamento della vista. Il consiglio degli esperti è quello di prendersi una pausa di venti secondi, magari facendo alcuni passi, ogni venti minuti di utilizzo del pc.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti