Rave party come ectasy: provoca alterazioni neurologiche

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/09/2015 Aggiornato il 02/09/2015

Le condizioni di stress psico-fisico di un rave possono avere effetti simili a quelle provocati dalla droga

Rave party come ectasy: provoca alterazioni neurologiche

I “rave party” vengono di solito considerati come eventi ad alto rischio per i giovani, principalmente per via delle droghe che vengono assunte dai partecipanti, prima fra tutte la cosiddetta ecstasy (Mdma, nella denominazione chimica). Ma, anche senza l’utilizzo di droghe, le particolari condizioni ambientali che si verificano durante un evento del genere, sono capaci di creare disfunzioni neurologiche simili a quelle provocate dall’ecstasy stessa.

Gli effetti sul cervello

I ricercatori del laboratorio di Neurofarmacologia, dipartimento di Patologia molecolare Ircca Neuromed di Pozzilli (Isernia), hanno pubblicato il risultato di una loro ricerca sulla rivista scientifica internazionale Pharmacological Research. I ricercatori dell’Istituto molisano hanno esaminato gli effetti sul comportamento e sul cervello indotti dall’esposizione a condizioni ambientali tipiche di un “rave”: sovraffollamento, musica techno ad alto volume e forti luci intermittenti. Si sono chiesti se anche le condizioni esterne tipiche di quegli eventi particolarmente stressanti potessero avere, indipendentemente dalle droghe, un qualche effetto neurologico. Ed è proprio quello che hanno trovato: i topi sottoposti a una situazione di stress analoga a quella di un “rave” presentavano alterazioni nelle capacità di apprendimento e memoria.

La proteina Tau

Sono state riscontrate alterazioni comportamentali e neurochimiche simili a quelle che si verificano dopo l’assunzione di Mdma. A essere colpita, in particolare, è la proteina Tau, un componente critico della struttura cellulare dei neuroni. Gli effetti, come nel caso dell’ecstasy, erano principalmente a carico dell’ippocampo; si tratta di caratteristiche simili a quelle che si riscontrano nella malattia di Alzheimer. Le alterazioni del comportamento e gli effetti neurochimici osservati negli animali esposti allo stress multifattoriale erano transitorie, ma non brevi: il picco delle alterazioni si aveva trentasei ore dopo l’inizio delle stimolazioni stressanti.

 

 

 
 
 

In breve

IL CERVELLO RIMANE DISTURBATO

Per un periodo critico di tempo dopo l’esposizione a stress multifattoriale come quello provocato da un rave, il cervello rimane alterato nei processi critici che sono legati allo studio, alla concentrazione sul lavoro e alla capacità di usare macchinari o guidare un’automobile.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

C’è una pianta officinale per favorire la lattazione?

17/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonello Sannia

Esiste una buona documentazione scientifica che comprova gli effetti benefici del Cardo mariano sulla lattazione.   »

Dosaggio delle beta-hCG a nove giorni dal rapporto a rischio

12/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Un prelievo di sangue effettuato a pochi giorni dal rapporto sessuale per verificare se il concepimento è avvenuto fornisce un risultato non attendibile, Meglio evitare.   »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti