Salute e sesso: i giovani chiedono al dottor Google

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/07/2015 Aggiornato il 27/07/2015

Gli adolescenti si rivolgono sempre più spesso al web, più precisamente a Google, per aver informazioni su sesso e salute

Salute e sesso: i giovani chiedono al dottor Google

Google è il dottore, ma anche l’amico e il confidente preferito dagli adolescenti. Almeno da quelli d’oltreoceano, stando ai risultati di un recente studio condotto da un gruppo di ricercatori statunitensi della Northwestern University. Sono sempre più numerosi, infatti, i giovani e i giovanissimi che scelgono di sanare dubbi e curiosità in materia di salute, sesso, pubertà e altri argomenti “scottanti” navigando nel web, rivolgendo domande e interrogativi a colui che ha sempre la risposta pronta: dottor Google.

Lo studio su oltre 1.000 adolescenti

Gli esperti Usa hanno coinvolto nella ricerca 1.156 adolescenti di età compresa tra i 13 e i 18 anni. Tutti sono stati invitati a rispondere a una serie di questionari riguardanti l’uso del web e le fonti utilizzate per reperire informazioni utili. Lo scopo era capire a chi si rivolgessero i giovani per trovare una risposta alle loro domande su temi come salute e sesso.

Una fonte che piace a molti ragazzi

 

I risultati hanno svelato che “dottor Google” piace parecchio ed è la principale fonte di riferimento per raccogliere informazioni in merito a salute, sesso&co per ben l’84% degli adolescenti americani. Moltissimi giovani, dunque, chiedono alla rete e una buona percentuale di loro si fida di quello che reperisce facilmente online. Addirittura dallo studio emerge che il 30% dei giovanissimi ha modificato abitudini, scelte e comportamenti in base ai suggerimenti scovati in rete e il 21% di loro, per avere sempre tutto a portata di click, ha scaricato un’app di salute sullo smartphone.

 

Gli argomenti più cercati sono sport e dieta

 

Ma perché gli adolescenti chiedono al web per aver risposte su salute&Co? La maggioranza di loro comincia a navigare online alla ricerca di informazioni su argomenti come salute, depressione, sesso o pubertà per fare i compiti o le ricerche scolastiche (53%). Ma una buona percentuale di giovani comincia a sviluppare una voglia di prendersi cura di sé (45%) e di fare chiarezza su alcune malattie, sui relativi sintomi e sulla possibile diagnosi (33%). Per quanto riguarda i temi più cercati, al primo posto si piazzano sport ed esercizio fisico, con un buon 42% di adolescenti curiosi in materia, seguiti da dieta e alimentazione (36%), stress e ansia (19%), malattie sessualmente trasmissibili () e pubertà (18%), depressione e sonno (16%).

 

 

 
 
 

In breve

FONTI ANCHE GENITORI E SCUOLA

Secondo la ricerca, il 13% dei ragazzi sceglie dottor Google perché è a disagio a confrontarsi con gli adulti più vicini su alcuni temi. Ma anche i genitori e la scuola forniscono una buona fetta di informazioni: i primi sono scelti dal 55% degli adolescenti, la seconda rappresenta una valida fonte di notizie per il 32% dei ragazzi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutto è ok, ma la gravidanza non si annuncia

21/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragioni per le quali una donna fatica a rimanere incinta sono numerose: l'età matura è una delle principali.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti