Scuola: gli italiani i più soggetti a stress in Europa

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/05/2016 Aggiornato il 12/05/2016

Gli adolescenti italiani, in confronto ai coetanei europei, non amano andare a scuola e sono stressati per via dei compiti assegnati e della tensione percepita. E i risultati sono sotto la media

Scuola: gli italiani i più soggetti a stress in Europa

Agli studenti italiani tra gli 11 e i 15 anni non piace andare a scuola e, in media, sono più stressati rispetto agli altri studenti europei. Questo è quanto emerge dal rapporto quadriennale sulla salute e il benessere dei giovani, stilato dall’ufficio europeo dell’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità.

I nostri adolescenti tra i più scontenti

Lo studio rileva che, tra gli undicenni italiani, un esiguo 26% delle femmine e solo il 17% dei maschi afferma che la scuola “piace un sacco”, stime che tra i quindicenni precipitano rispettivamente al 10% e all’8%. I dati sono ancora più interessanti se comparati al resto dell’Europa, dove gli adolescenti italiani superano estoni, greci e belgi, mentre distano parecchio dagli studenti armeni, i più “entusiasti” di andare a scuola, con giudizi estremamente positivi: il 68% per le femmine e il 48% per i maschi.

Lo stress è molto elevato

A questi dati si correla un livello di stress molto elevato: il 72% delle quindicenni e il 51% dei coetanei maschi si sentono eccessivamente sotto pressione. Come afferma il professor Franco Cavallo, ordinario di epidemiologia dell’Università di Torino e incaricato di supervisionare la parte italiana dello studio, “non è da sottovalutare questa pressione che viene sentita dal ragazzo: probabilmente vanno ritarati i programmi, che sono ancora legati alle superiori di una volta, le quali selezionavano molto”.

Ma i risultati sono sotto la media

Per quanto riguarda il profitto scolastico, soltanto il 50% delle ragazze e il 39% dei ragazzi che hanno 15 anni registrano prestazioni “buone o eccellenti”, sempre assestandosi sotto la media europea, scavalcando solo Belgio, Portogallo e Ungheria.

 

 

LO SAPEVI CHE…

Il basso rendimento scolastico e l’insofferenza nei confronti della scuola non dipendono solo da un cattivo dialogo tra alunni e insegnanti, ma anche dagli esiti negativi di un confronto, sempre più difficile, tra la famiglia e i docenti.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Non sento il bimbo muoversi: perché?

09/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fino alla 23ma settimana di gravidanza può essere difficile sentire i movimenti del bambino, ma di qui a poco si riusciranno a percepire in modo inequivocabile.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti