Sesso e giovani: meno precoci, ma più disinformati

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/04/2017 Aggiornato il 07/04/2017

Secondo il Censis i giovani non sono così precoci riguardo al sesso, ma soprattutto sono disinformati sulle infezioni sessuali e la prevenzione. 3 su 10 non conoscono i rischi

Sesso e giovani: meno precoci, ma più disinformati

Se quello di una sessualità sempre più precoce sembra essere un falso mito (per i giovani italiani infatti il primo rapporto avviene intorno ai 17 anni), è vero, però, che i nostri ragazzi sanno poco o nulla di prevenzione e malattie sessualmente trasmissibili. Il 92,9% di chi ha avuto rapporti sessuali completi ha poi dichiarato di stare sempre attento per evitare gravidanze, ma solo il 74,5% di questi lo fa anche per evitare infezioni e malattie a trasmissione sessuale. Pare, infatti, che il problema non sia molto percepito e anche la distinzione tra contraccezione e prevenzione non è sempre chiara: Il 70,7% usa il profilattico come strumento di prevenzione, ma il 17,6% è erroneamente convinto che la pillola anticoncezionale sia uno strumento per contrastare malattie e infezioni. Il 6% degli intervistati, inoltre, non adotta mai precauzioni, perché sicuro che certe malattie si possano contrarre solo avendo rapporti con prostitute. Insomma, tra sesso e giovani il rapporto è fatto di luci e ombre.

I ragazzi sottovalutano i rischi

Per molti adolescenti esiste solo l’Aids, (conosciuto dall’89,6%) e non sanno distinguere tra le molte altre infezioni e patologie che si possono contrarre durante un rapporto sessuale. Solo il 23,1% indica la sifilide, il 18,2% la candida, il 15,6% il Papillomavirus e percentuali tra il 15% e il 13% la gonorrea, le epatiti e l’herpes genitale. La maggiorparte delle ragazze riconosce nel Papillomavirus (Hpv) un potenziale veicolo di vari tipi di tumore, ma solo il 45% del campione maschile ha una vaga idea dell’argomento. La stessa assenza di consapevolezza tra sesso e giovani si riscontra riguardo al poter trasmettere una malattia anche attraverso rapporti sessuali non completi (solo il 58% lo sa), che i tumori derivanti da essa possano colpire anche l’uomo (37%) o che esista un vaccino efficace per tutta la vita (71%)().

Le fonti di informazioni

Sono i media a avere il primato per l’informazione dei ragazzi su infezioni e malattie sessualmente trasmesse. Il 62,3% dei giovani usa come fonte Tv, riviste, internet. La scuola contribuisce per il 53,8%. Solo il 9,8% cita medici di famiglia, specialisti e farmacisti. E il 57,5% degli intervistati ammette di non essersi mai recato dal medico per problemi legati alla sessualità.

 

 

 

da sapere!

Su un campione di 1.000 giovani tra i 12 e i 24 anni, il 43,5% dei giovani italiani tra i 12-24 anni ha già avuto rapporti sessuali completi, quota che sale al 79,2% tra i 22-24 anni.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

Bimba che vuole solo il papà dopo l’arrivo della sorellina

20/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Dopo la nascita di un fratellino, è positivo che il maggiore crei un legame speciale con il padre e la mamma, anziché sentirsi messa da parte, dovrebbe esserne contenta.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti