Sesso e giovani: meno precoci, ma più disinformati

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 07/04/2017 Aggiornato il 07/04/2017

Secondo il Censis i giovani non sono così precoci riguardo al sesso, ma soprattutto sono disinformati sulle infezioni sessuali e la prevenzione. 3 su 10 non conoscono i rischi

Sesso e giovani: meno precoci, ma più disinformati

Se quello di una sessualità sempre più precoce sembra essere un falso mito (per i giovani italiani infatti il primo rapporto avviene intorno ai 17 anni), è vero, però, che i nostri ragazzi sanno poco o nulla di prevenzione e malattie sessualmente trasmissibili. Il 92,9% di chi ha avuto rapporti sessuali completi ha poi dichiarato di stare sempre attento per evitare gravidanze, ma solo il 74,5% di questi lo fa anche per evitare infezioni e malattie a trasmissione sessuale. Pare, infatti, che il problema non sia molto percepito e anche la distinzione tra contraccezione e prevenzione non è sempre chiara: Il 70,7% usa il profilattico come strumento di prevenzione, ma il 17,6% è erroneamente convinto che la pillola anticoncezionale sia uno strumento per contrastare malattie e infezioni. Il 6% degli intervistati, inoltre, non adotta mai precauzioni, perché sicuro che certe malattie si possano contrarre solo avendo rapporti con prostitute. Insomma, tra sesso e giovani il rapporto è fatto di luci e ombre.

I ragazzi sottovalutano i rischi

Per molti adolescenti esiste solo l’Aids, (conosciuto dall’89,6%) e non sanno distinguere tra le molte altre infezioni e patologie che si possono contrarre durante un rapporto sessuale. Solo il 23,1% indica la sifilide, il 18,2% la candida, il 15,6% il Papillomavirus e percentuali tra il 15% e il 13% la gonorrea, le epatiti e l’herpes genitale. La maggiorparte delle ragazze riconosce nel Papillomavirus (Hpv) un potenziale veicolo di vari tipi di tumore, ma solo il 45% del campione maschile ha una vaga idea dell’argomento. La stessa assenza di consapevolezza tra sesso e giovani si riscontra riguardo al poter trasmettere una malattia anche attraverso rapporti sessuali non completi (solo il 58% lo sa), che i tumori derivanti da essa possano colpire anche l’uomo (37%) o che esista un vaccino efficace per tutta la vita (71%)().

Le fonti di informazioni

Sono i media a avere il primato per l’informazione dei ragazzi su infezioni e malattie sessualmente trasmesse. Il 62,3% dei giovani usa come fonte Tv, riviste, internet. La scuola contribuisce per il 53,8%. Solo il 9,8% cita medici di famiglia, specialisti e farmacisti. E il 57,5% degli intervistati ammette di non essersi mai recato dal medico per problemi legati alla sessualità.

 

 

 

da sapere!

Su un campione di 1.000 giovani tra i 12 e i 24 anni, il 43,5% dei giovani italiani tra i 12-24 anni ha già avuto rapporti sessuali completi, quota che sale al 79,2% tra i 22-24 anni.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti