Sesso: la prima volta a 14 anni

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/12/2014 Aggiornato il 02/12/2014

Scende l’età in cui i giovanissimi hanno il primo rapporto sessuale: la prima volta a 14 anni

Sesso: la prima volta a 14 anni

Uno studio mette in evidenza un problema che dilaga tra i giovanissini: gli adolescenti fanno sesso molto precocemente: la prima volta a 14 anni. Un altro studio condotto presso l’Università di Atene ha evidenziato dati ancora più scioccanti: il 10,2% degli adolescenti intervistati ha sperimentato il sesso a 13 anni e il 5,7% a soli 12.

Senza protezione

Ed è allarmante un altro aspetto legato alla sessualità: purtroppo i giovanissimi non usano il preservativo né altri metodi di protezione, incorrendo nel rischio di malattie sessualmente trasmissibili come clamidia e papillomavirus. È questo il quadro che emerge da una ricerca condotta dalla Clinica di pediatria e di ginecologia adolescenziale dell’Alexandra Hospital di Atene. Lo studio ha disegnato il comportamento dei giovani greci che secondo gli esperti tendono oggi a contrarre di più malattie sessualmente trasmissibili (Mst) rispetto ai loro coetanei stranieri, mentre solo fino a pochi anni fa questa percentuale era ben al di sotto della media internazionale.

Le cifre del problema

I dati parlano chiaro: se il 78% dei giovani ha dichiarato di utilizzare il profilattico, solo il 42% lo usa regolarmente. E ancora: tra le 149 ragazze che hanno rapporti sessuali tra i 13 e i 19 anni, 62 (42%) sono risultate positive a una forma del virus Hpv e altre 30 positive per più di una forma di esso. E siccome è possibile che abbiano più di un partner sessuale, il 5-6% degli adolescenti fra i 15 e i 19 anni è risultato colpito da clamidia.

Polemiche sulla pillola del giorno dopo

Secondo un’altra ricerca condotta dall’Unità per il benessere degli adolescenti istituita presso la Seconda clinica pediatrica dell’ospedale dell’Università di Atene e basata su interviste fatte a 1.538 alunni delle scuole nella prefettura dell’Attica, l’8,2% di essi ha ammesso di avere rapporti sessuali non protetti, mentre la stessa percentuale di ragazze ha detto di aver preso almeno una volta la cosiddetta “pillola del giorno dopo”. Gli esperti spiegano: “Le donne adulte sembra che abbiano capito che la pillola non le protegge dalle malattie sessualmente trasmissibili, non è però la stessa cosa quando si parla di ragazze giovani. Non è esagerato dire che usano la pillola del giorno dopo come se si trattasse una caramella”.

 

In breve

PRECOCI, MA POCO PRUDENTI

Gli adolescenti hanno rapporti sessuali molto precocemente, tanto che fanno sesso la prima volta a 14 anni. Molti poi non usano il preservativo e ricorrono con estrema disinvoltura alla pillola del giorno dopo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Menarca in bimba di 9 anni: crescerà ancora?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non è così automatico che l'arrivo della prima mestruazione segni la fine della crescita in altezza.   »

Anticorpi: con che quantità si può rinviare la seconda o la terza dose?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

A oggi non è ancora stato stabilito quale valore relativo agli anticorpi assicuri una copertura tale da consentire di rimandare (o, peggio, evitare) la vaccinazione.   »

Bimbo difficile, mamma esasperata

11/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Può essere davvero emotivamente insostenibile gestire un bambino che urla e piange ogni volta che ci si allontana. Ma la soluzione ci può essere.   »

Fai la tua domanda agli specialisti