Sesso: salute a rischio per un adolescente su 3

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/11/2013 Aggiornato il 29/11/2013

Il sesso imparato sul web distorce la realtà. Inoltre gli adolescenti non fanno i controlli dal medico. Il rischio? Malattie andrologiche per un giovane su tre

Sesso: salute a rischio per un adolescente su 3

Il web, l’alcol, le droghe, la mancanza di punti di riferimento e l’insicurezza. Sarebbero questi i “colpevoli” della scarsa preparazione degli adolescenti in tema di sesso. Paradossalmente, i ragazzi sono convinti del contrario: credono di saperla lunga su eros e dintorni, perché navigano in rete tutti i giorni e si scambiano “dritte” e consigli tra loro. Ma le informazioni che circolano su siti piccanti, forum e community sono spesso fuorvianti e dannose per la conoscenza del sesso da parte degli adolescenti.

I risultati di una ricerca italiana

Il risultato di questa scarsa educazione in materia sessuale emerge da una ricerca divulgata dalla Società italiana di urologia (Siu). Appena il 7% degli alunni delle scuole superiori sa che il preservativo serve per proteggersi dalle malattie sessualmente trasmesse, mentre 9 ragazzi su 10 lo usano solo per evitare una gravidanza. Uno su 3 lo utilizza sempre, mentre il 27% non ne ha mai comprato uno. A questo si aggiunge l’uso di alcolici, cocaina, ecstasy e simili, presi per mascherare un’insicurezza irrisolta, ma che a lungo andare possono causare problemi di erezione: l’80% dei facenti parte dello studio beve troppo e il 40% abusa di stupefacenti.

Alto il rischio di malattie

Secondo l’indagine sul sesso, un adolescente su tre soffre di malattie andrologiche. In particolare, poco meno del 18% ha il varicocele, la dilatazione delle vene dei testicoli che, se non curata, può essere causa di infertilità. Il 4 % è colpito da criptorchidismo, un difetto dei testicoli, mentre più del 3% ha il frenulo corto, che può causare dolore durante i rapporti e difficoltà a mantenere l’erezione. Appena lo 0,1% ha un problema di dimensioni ridotte del pene. Nella maggior parte dei casi, sono condizioni che si possono risolvere. Come? Incentivando le visite dallo specialista durante l’adolescenza. Da quando è stata abolita la visita di leva, nel periodo di vita che va dai 14 anni all’età adulta, la vita sessuale dell’uomo è senza controllo. Dominano il fai-da-te, il passaparola tra amici, la ricerca sul web.  Con risultati devastanti sulla salute psicofisica dei ragazzi. 

In breve

I GIOVANI SONO POCO INFORMATI

Secondo un’indagine dell’Osservatorio sulla salute dell’infanzia e dell’adolescenza, il 73% dei ragazzi non conosce le principali malattie a trasmissione sessuale, solo il 35% usa il preservativo, l’88% non sa dove si trovino i consultori nella propria città e appena il 46% ha effettuato un controllo a 18 anni.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti