Sexting tra gli adolescenti: è allarme rosso!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/06/2017 Aggiornato il 19/06/2017

Cresce in maniera preoccupante il fenomeno del sexting tra gli adolescenti. È importante che i ragazzi siano consapevoli dei rischi che corrono, soprattutto nei casi di diffusione incontrollata di materiale inviato e ricevuto

Sexting tra gli adolescenti: è allarme rosso!

Secondo un’inchiesta di Pepita onlus, associazione che si propone di mettere in guardia gli adolescenti dai pericoli del web, in Italia ben 2 ragazzi su 5 hanno dichiarato di aver fatto sexting almeno una volta, almeno uno su 10 ha fatto selfie intimi e “solo” il 3% pubblica questi scatti sui social network.  Insomma, è allarme sexting tra gli adolescenti.

I dati dell’indagine

L’indagine, diffusa con l’hashtag #soloperte, è stata presentata durante la firma di un protocollo d’intesa tra la Polizia di Stato e la casa pediatrica dell’Asst Fatebenefratelli-Sacco. I risultati sono emersi dal questionario distribuito a campione di 2.800 adolescenti tra gli 11 e i 17 anni, reclutati in 16 regioni italiane in diversi ambienti (scuole, oratori, associazioni sportive). I dati fanno emergere quanto sia diffuso il sexting tra gli adolescenti: oltre il 40% del campione ha inviato messaggi e contenuti multimediali a sfondo sessuale e il 60% ha ammesso di averne ricevuti.  Poco meno della metà degli intervistati (41%) ha affermato di essersi sentito a disagio dopo gli invii hot e il 64% ha ammesso apprezzamenti e allusioni sul fisico e sull’atteggiamento. 

Anche passivo

Il sexting è, però, spesso “spam”: il 73% dei ragazzi ha dichiarato di aver ricevuto foto e video con contenuti sessuali espliciti senza averlo richiesto, soprattutto da amici e compagni. Interessanti le risposte date alla domanda “per quali ragioni hai deciso di condividere un messaggio/video/foto a contenuto sessuale ricevuto da un’altra persona?” : il 29,5% ha risposto “per dimostrare di essere figo”, il 23,79% “perché è divertente” e il 16,3% “per alimentare le mie relazioni”.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

I contenuti di sesso esplicito vengono condivisi nel 67% dei casi attraverso Whatsapp, seguito da Instagram  con il 57% e da Snapchat con il 43%.  

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti