Shopping e gioco d’azzardo: le nuove dipendenze degli adolescenti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/01/2013 Aggiornato il 10/01/2013

Sempre più adolescenti cadono nella rete delle dipendenze. Se i consumi di droga sono in leggero calo, aumenta il ricorso ai videopoker e allo shopping compulsivo

Shopping e gioco d’azzardo: le nuove dipendenze degli adolescenti

Cala il consumo di droghe, ma aumentano shopping compulsivo e gioco d’azzardo

I rapporti del Dipartimento delle politiche antidroga degli ultimi due anni descrivono un calo tra i più giovani (fra i 15 e i 19 anni) dei consumi di droga pari a un quarto. Se dunque diminuisce l’uso di sostanze stupefacenti tra i giovanissimi, sono invece in netto aumento le cosiddette “nuove dipendenze”. Al primo posto lo shopping compulsivo seguito dal gioco d’azzardo – in particolare le slot-machine – che rende dipendenti il 7 per cento degli adolescenti.

Una risposta illusoria a un vuoto interiore

I dati qui riassunti sono il risultato di un’indagine condotta dall’Istituto di psichiatria e psicologia dell’università Cattolica di Roma, che ha voluto lanciare un allarme sulle altre dipendenze dei giovani analizzando il comportamento di circa tremila studenti adolescenti. Il quadro che emerge, al di là delle percentuali molto alte, è quello di una fascia di giovani per cui le nuove dipendenze non sono più il ricorso a sostanze chimiche, ma dipendenze comportamentali generate da un disagio psicologico provocato da stress, noia e senso di vuoto. Lacune emotive che i ragazzi provano a colmare con illusorie gratificazioni come, per esempio, quella dello shopping.
Il problema è che quella che può semplicemente rimanere una gratificazione del momento, se diventa pratica usuale è facile che nell’atto compulsivo assuma i contorni di una vera e propria patologia.

La “sindrome da shopping”: origine e meccanismi

Si parla infatti di shopping compulsivo, un fenomeno decisamente favorito da una società caratterizzata da un diffuso atteggiamento consumistico e da una tendenza a incoraggiare gli acquisti alimentando spesso dei falsi bisogni che hanno pian piano trasformato il possesso di qualcosa in una fonte di felicità, in uno strumento per potersi costruire un’identità sociale apprezzata e accettata.
Il meccanismo psicologico che sta alla base di questo disturbo è appunto – affermano gli esperti – un automatismo impulsivo: il piacere di acquistare si trasforma in una compensazione di una frustrazione o di un disagio interiore. Molti psicologi del comportamento paragonano questo disturbo alla bulimia perché chi ne è affetto è mosso da una voracità improvvisa con attacchi ripetuti e improvvisi: gli acquisti compulsivi, per l’appunto.

La definizione della Società italiana d’intervento sulle patologie compulsive

La Società italiana d’intervento sulle patologie compulsive (S.I.I.Pa.C.) definisce lo shopping compulsivo come: “un disturbo caratterizzato dall’impulso irrefrenabile e immediato all’acquisto, da una tensione crescente alleviata solo comprando. Ogni stato emotivo negativo viene invertito nella spinta incontrollabile e irrefrenabile a effettuare un acquisto nonostante la compromissione delle sfere finanziaria, relazionale, lavorativa e psicologica. I soggetti affetti da questa patologia – spiegano gli esperti della S.I.I.Pa.C. – sostengono di essere assaliti dall’urgenza di comprare, come in preda a un’ossessione che li costringe a mettere in atto il suddetto comportamento”.
È per questo motivo che la dipendenza da acquisti è stata inserita tra i Doc (Disturbi ossessivo compulsivi).

Un quindicenne su tre rischia denaro

La dipendenza da gioco d’azzardo, invece, nasce nei giovanissimi come una continuazione ideale del desiderio di giocare. Il punto è che sono sempre di più gli adolescenti che, stando ai dati dell’Osservatorio delle dipendenze dell’Asl di Bergamo, praticano giochi in cui si puntano dei soldi. L’indagine annuale del 2011 condotta dall’Istituto di Fisiologia clinica del Cnr su circa 1.300 giovani studenti, rende noto che nei 12 mesi precedenti il 41,2 per cento dei ragazzi ha praticato una o più volte giochi dove si puntano soldi, percentuale leggermente inferiore, sottolineano gli esperti a quella nazionale. Il dato preoccupante è che tra il 2008 e il 2011 la percentuale dei quindicenni bergamaschi (e anche quella italiana) che si è avvicinata al gioco d’azzardo è passata dal 34,3 per cento al 36,3 per cento e quella dei sedicenni dal 32,7 al 40,8 per cento. Fenomeno che vede tra i giochi preferiti dai maschi Gratta e vinci, scommesse sportive, poker texano, Lotto e Superenalotto.
Secondo le testimonianze raccolte, gli adolescenti giocano perché è divertente, eccitante e perché si vince denaro. Chi ha problemi di gioco spiega che la ragione sta nello sfuggire ai problemi del quotidiano; altri parlano della pressione del gruppo di amici; altri ancora considerano il gioco un modo per attenuare la noia e per smorzare un umore depressivo.

In breve

I giovanissimi sviluppano dipendenze comportamentali

Il senso di vuoto, di noia e solitudine è alla base di alcune delle nuove dipendenze che colpiscono gli adolescenti. Lo shopping diventa compulsivo ed entra a far parte dei DOC (disturbi ossessivo compulsivi); il gioco non è più divertimento e basta ma puro azzardo: un modo per mostrarsi “grandi” di fronte ai pari e per tenere a bada un disturbo depressivo che avanza. Questo, in breve, il ritratto a tinte fosche delle nuove sindromi da dipendenza dei giovanissimi: gli esperti lanciano l’allarme.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti