Sigaretta elettronica, boom tra gli adolescenti. Quali rischi?

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 19/08/2015 Aggiornato il 19/08/2015

Esperti riuniti a Losanna tracciano le linee guida europee sull’utilizzo dell’e-cig tra i giovani. Monito ai genitori: controllateli ma senza essere invadenti

Sigaretta elettronica, boom tra gli adolescenti. Quali rischi?

Dell’aumento dell’uso di sigarette elettroniche tra i giovani si è parlato a Losanna. Il fine? Tracciare le prime linee guida europee sull’utilizzo in età adolescenziale e adulta. In particolare, il gruppo di studio European respiratory society si è posto questo quesito: l’elettronica è una valida alternativa alla sigaretta tradizionale o è un pericoloso surrogato? Come rappresentante pediatra ha partecipato la professoressa Susanna Esposito, presidente Waidid (Associazione mondiale per le malattie infettive e i disordini immunologici) che raccomanda ai genitori di adolescenti “che oggi hanno un compito ben più arduo rispetto a trent’anni fa: il controllo deve essere costante senza essere invadenti”.

Si inizia a fumare prima dei 15 anni

Secondo un’indagine Doxa del 2014 il 13,2 per cento dei giovani fuma la prima sigaretta prima dei 15 anni e il 44 per cento tra i 15 e i 17 anni. La sigaretta elettronica è, in generale, più amata dagli uomini (66 per cento) che dalle donne (34 per cento) e il 14 per cento dei ragazzi fumatori tra i 15 e 24 anni ne fa uso. Anche se c’è da registrare che sembrerebbe stia passando di moda: nel 2014 dal 4,2 per cento si è passati al 1,6 per cento di utilizzatori.

Elettronica o no è un pericolo per la salute

E per chi pensa che la sigaretta elettronica sia innocua, come si propaganda, l’Organizzazione mondiale della sanità avverte che “ci sono elementi di prova sufficienti per mettere in guardia bambini e adolescenti contro l’uso di sigarette elettroniche con nicotina”. Il tabacco, secondo l’Oms, rimane una causa di morte per oltre la metà dei consumatori.

Non abbassare la guardia

Per i genitori controllare se e come i figli facciano uso di sigarette, che sia o no elettronica, è molto difficile. Waidid, in una nota, lancia, infine, un monito: vanno evitate le droghe leggere, creano dipendenza e negli anni danni irreversibili. In generale, qualunque tipo di droga, assunta regolarmente, può causare patologie polmonari croniche e alterazioni neurologiche e psicofisiche, sbalzi d’umore, deterioramento dei legami affettivi, peggioramento scolastico, riduzione della concentrazione.

 

 

 

 

 

In breve

ATTENZIONE AL FUMO PASSIVO

 Nel mondo si stimano circa 6 milioni di decessi l’anno da tabacco, di cui 5 milioni da esposizione diretta e 600 mila per fumo passivo. Si raggiungeranno gli 8 milioni di morti entro il 2030.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Lavaggi nasali: servono davvero?
23/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I lavaggi nasali rivestono grande utilità non già per uccidere il virus del raffreddore, ma per facilitare la pulizia del naso e favorire la fluidificazione, quindi, l'eliminazione del muco.   »

Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fai la tua domanda agli specialisti