Sigaretta elettronica, boom tra gli adolescenti. Quali rischi?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/08/2015 Aggiornato il 19/08/2015

Esperti riuniti a Losanna tracciano le linee guida europee sull’utilizzo dell’e-cig tra i giovani. Monito ai genitori: controllateli ma senza essere invadenti

Sigaretta elettronica, boom tra gli adolescenti. Quali rischi?

Dell’aumento dell’uso di sigarette elettroniche tra i giovani si è parlato a Losanna. Il fine? Tracciare le prime linee guida europee sull’utilizzo in età adolescenziale e adulta. In particolare, il gruppo di studio European respiratory society si è posto questo quesito: l’elettronica è una valida alternativa alla sigaretta tradizionale o è un pericoloso surrogato? Come rappresentante pediatra ha partecipato la professoressa Susanna Esposito, presidente Waidid (Associazione mondiale per le malattie infettive e i disordini immunologici) che raccomanda ai genitori di adolescenti “che oggi hanno un compito ben più arduo rispetto a trent’anni fa: il controllo deve essere costante senza essere invadenti”.

Si inizia a fumare prima dei 15 anni

Secondo un’indagine Doxa del 2014 il 13,2 per cento dei giovani fuma la prima sigaretta prima dei 15 anni e il 44 per cento tra i 15 e i 17 anni. La sigaretta elettronica è, in generale, più amata dagli uomini (66 per cento) che dalle donne (34 per cento) e il 14 per cento dei ragazzi fumatori tra i 15 e 24 anni ne fa uso. Anche se c’è da registrare che sembrerebbe stia passando di moda: nel 2014 dal 4,2 per cento si è passati al 1,6 per cento di utilizzatori.

Elettronica o no è un pericolo per la salute

E per chi pensa che la sigaretta elettronica sia innocua, come si propaganda, l’Organizzazione mondiale della sanità avverte che “ci sono elementi di prova sufficienti per mettere in guardia bambini e adolescenti contro l’uso di sigarette elettroniche con nicotina”. Il tabacco, secondo l’Oms, rimane una causa di morte per oltre la metà dei consumatori.

Non abbassare la guardia

Per i genitori controllare se e come i figli facciano uso di sigarette, che sia o no elettronica, è molto difficile. Waidid, in una nota, lancia, infine, un monito: vanno evitate le droghe leggere, creano dipendenza e negli anni danni irreversibili. In generale, qualunque tipo di droga, assunta regolarmente, può causare patologie polmonari croniche e alterazioni neurologiche e psicofisiche, sbalzi d’umore, deterioramento dei legami affettivi, peggioramento scolastico, riduzione della concentrazione.

 

 

 

 

 

 
 
 

In breve

ATTENZIONE AL FUMO PASSIVO

 Nel mondo si stimano circa 6 milioni di decessi l’anno da tabacco, di cui 5 milioni da esposizione diretta e 600 mila per fumo passivo. Si raggiungeranno gli 8 milioni di morti entro il 2030.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti