Sigarette elettroniche: giro di vite negli Usa

Pamela Franzisi
A cura di Pamela Franzisi
Pubblicato il 26/10/2018 Aggiornato il 26/10/2018

L’abbandono della sigaretta “tradizionale” a favore di quella elettronica può mettere a rischio dipendenza molti giovani americani. Ecco perché il governo degli Stati Uniti ha messo una stretta su produttori e rivenditori

Sigarette elettroniche: giro di vite negli Usa

I giovani fumano troppe sigarette elettroniche. Contro il dilagare di quella che si prospetta come l’ennesima dipendenza il governo americano ha scelto la linea dura e sta valutando se vendere le sigarette elettroniche con le stesse restrizioni imposte a quelle “tradizionali”. 

Allarme sociale

La Food and drug administration parla di boom nell’uso delle e-cig tra i teenager americani, descrivendolo come un vero allarme sociale. E per questo ha inviato un ultimatum ai principali produttori: se in 60 giorni non si mette a punto un piano per tenere sotto controllo la vendita, evitando il consumo da parte dei minori, le sigarette elettroniche potrebbero essere bandite da negozi e supermercati. Ma non è tutto: le autorità federali hanno anche inviato una lettera-monito a 1.100 rivenditori sulla vendita di e-cig ai più giovani, pena multe salatissime e altre sanzioni.

Rischi per la salute

Sono due milioni i ragazzi di scuole medie e superiori che negli Usa utilizzano la e-cig, mettendo a rischio la loro salute. Il vaporizzatore elettronico da strumento utile per i fumatori adulti, per aiutarli ad abbandonare le sigarette tradizionale, sta diventando oggetto di dipendenza nei più giovani. Dipendenza dovuta alla nicotina contenuta nei vari liquidi aromatizzati.

La situazione in Italia

In Italia, secondo l’Istituto superiore di sanità, non vi sono ancora sufficienti evidenze scientifiche per affermare che le e-cig possano servire a smettere di fumare, mentre le sostanze contenute nei liquidi potrebbero avere effetti tossici. Diversi studi, del resto, sottolineano la pericolosità di questi dispositivi. Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista medica American journal of preventive medicine, chi svapa tutti i giorni ha un rischio doppio di attacco cardiaco rispetto a chi non fuma. Secondo un altro studio pubblicato sul British medical journal, i vapori della sigaretta elettronica danneggiano alcune cellule dei polmoni.

 
 
 

Da sapere!

Ogni anno in America ci sono 480mila morti legati alle sigarette. La Food and drug administration vuole evitare che la e-cig, da deterrente contro il fumo tradizionale, diventi un nuovo problema per la salute, specie nei più giovani.

 

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Capricci: aiuto, non so gestirli!

La corretta gestione dei capricci è di fondamentale importanza sia per insegnare che esistono regole che non si possono tragredire sia per favorire la resilienza, che è la preziosa capacità di sopportare le frustrazioni e di affrontare le condizioni stressanti rimanendo il equilibrio.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti