Sindrome dell’ovaio policistico: scoperto nuovo marcatore

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 24/10/2016 Aggiornato il 24/10/2016

La diagnosi della sindrome dell'ovaio policistico è suscettibile di molti errori. La scoperta di un nuovo marcatore può però ridurre i falsi

Sindrome dell’ovaio policistico: scoperto nuovo marcatore

La sindrome dell’ovaio policistico è una malattia soggetta a un elevato numero di errori diagnostici. Un nuovo studio condotto dall’Aghia Sophia Children’s Hospital di Atene ha, però, ora evidenziato un nuovo marcatore che potrebbe portare a conoscenza della sindrome dell’ovaio policistico già negli adolescenti.

Che cos’è l’irisina

A essere misurato è stato un marcatore particolare: l’irisina. Si tratta di un ormone “nuovo” che sarebbe implicato nella sindrome dell’ovaio politeistico (Pcos), un disturbo di tipo endocrino, che colpisce più del 10% delle donne.

Che cosa comporta

La sindrome dell’ovaio policistico comporta cicli mestruali irregolari e, quindi, minore possibilità di concepire. Dunque, è più che mai importante diagnosticare la sindrome dell’ovaio policistico giù in fase adolescenziale. Ma farlo, finora, è stato complesso: infatti, i sintomi della patologia potrebbero essere confusi con i mutamenti fisiologici della pubertà. Ecco perché il ruolo dell’irisina è così importante.

Valori sballati

Lo studio ha analizzato due gruppi di adolescenti: il primo affetto da Pcos e l’altro invece sano. Ebbene, i livelli di irisina in chi soffriva di sindrome dell’ovaio policistico sono risultati molto più elevati rispetto a chi, invece, non era affetto da questa patologia.  Allo stesso tempo, l’irisina è un ormone che si associa ad alti livelli di testosterone, tipico proprio di chi soffre di Pcos.

 

In breve

IMPORTANTE LA DIAGNOSI PRECOCE

La diagnosi precoce della sindrome dell’ovaio policistico è fondamentale perché si collega alla cura dell’infertilità. Infatti, questa patologia è una delle cause più comuni della difficoltà di concepire.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti