Sindrome dell’ovaio policistico: scoperto nuovo marcatore

La diagnosi della sindrome dell'ovaio policistico è suscettibile di molti errori. La scoperta di un nuovo marcatore può però ridurre i falsi

Sindrome dell’ovaio policistico: scoperto nuovo marcatore

La sindrome dell’ovaio policistico è una malattia soggetta a un elevato numero di errori diagnostici. Un nuovo studio condotto dall’Aghia Sophia Children’s Hospital di Atene ha, però, ora evidenziato un nuovo marcatore che potrebbe portare a conoscenza della sindrome dell’ovaio policistico già negli adolescenti.

Che cos’è l’irisina

A essere misurato è stato un marcatore particolare: l’irisina. Si tratta di un ormone “nuovo” che sarebbe implicato nella sindrome dell’ovaio politeistico (Pcos), un disturbo di tipo endocrino, che colpisce più del 10% delle donne

Che cosa comporta

La sindrome dell’ovaio policistico comporta cicli mestruali irregolari e, quindi, minore possibilità di concepire. Dunque, è più che mai importante diagnosticare la sindrome dell’ovaio policistico giù in fase adolescenziale. Ma farlo, finora, è stato complesso: infatti, i sintomi della patologia potrebbero essere confusi con i mutamenti fisiologici della pubertà. Ecco perché il ruolo dell’irisina è così importante.

Valori sballati

Lo studio ha analizzato due gruppi di adolescenti: il primo affetto da Pcos e l’altro invece sano. Ebbene, i livelli di irisina in chi soffriva di sindrome dell’ovaio policistico sono risultati molto più elevati rispetto a chi, invece, non era affetto da questa patologia.  Allo stesso tempo, l’irisina è un ormone che si associa ad alti livelli di testosterone, tipico proprio di chi soffre di Pcos.  

 

 
 
 

In breve

IMPORTANTE LA DIAGNOSI PRECOCE

La diagnosi precoce della sindrome dell’ovaio policistico è fondamentale perché si collega alla cura dell’infertilità. Infatti, questa patologia è una delle cause più comuni della difficoltà di concepire.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti