Smart drugs: allarme tra adolescenti. Che cosa sono?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/05/2014 Aggiornato il 08/05/2014

Le smart drugs, o potenziatori di memoria, sono largamente usate dagli adolescenti. Ma gli effetti possono essere davvero nocivi

Smart drugs: allarme tra adolescenti. Che cosa sono?

Gli adolescenti fanno sempre più uso di quelli che vengono chiamati potenziatori di memoria, ovvero le smart drugs. Prese spesso “sottogamba”, queste sostanze sono vere e proprie droghe, oltretutto molto subdole.

Prestazioni al top

Perché gli adolescenti fanno incetta di smart drugs, spesso acquistate su Internet? Perché sentono sempre il bisogno di essere al top, di rendere il massimo nello studio con il minimo sforzo, di mostrare prestazioni elevate di sé. L’accresciuta attenzione, la memoria potenziata e l’alto rendimento non sono però a costo zero, anzi. Infatti, le smart drugs agiscono come tutte le altre sostanze stupefacenti, ovvero annullano la percezione di stimoli primari come fame, sete e sonno. Inoltre, come ogni altra droga, anche i potenziatori di memoria causano dipendenza e annullano la percezione degli oggettivi limiti umani.

È allarme

L’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) pone l’accento sull’aumento del consumo delle smart drugs tra gli adolescenti e, soprattutto, sull’acquisto online, spesso illegale e molto pericoloso. In Italia si segnalano circa 500 siti illegali, molti dei quali sono stati già chiusi. L’e-commerce, dall’accesso facile e incontrollato, rende l’acquisto di droghe rapido e semplice.

Più magri, più bravi … più tutto

I ragazzi acquistano le loro “pasticche” della felicità illusoria perché la società li vorrebbe perfetti, fisicamente e intellettualmente. I primi del gruppo, i primi della classe, i primi in tutto. E, ovviamente, queste aspettative irreali si scontrano con la realtà, creando un disagio facilmente superabile (ma in realtà amplificato) con qualche pastiglia all’apparenza innocua.

Diciture illegali e sballo legale

Il fatto che le smart drugs vengano considerate innocue dagli adolescenti spesso deriva dalla loro stessa presentazione commerciale: la dicitura “sballo legale” campeggia su molte confezioni facendo credere che si tratti di sostanze assolutamente soft. Inoltre, i teenager tendono a bypassare anche avvertenze per le quali lampeggia “pericolo” scritto a carattere cubitali: alcune di queste pasticche, infatti, riportano addirittura la dicitura ”sostanze chimiche destinate alla ricerca” o ”fertilizzanti”. L’Aifa, infine, avverte anche sulla pericolosità delle famose e famigerate bevande energetiche (energy drink) colme di caffeina e taurina. Gli effetti collaterali non sono certo da sottovalutare: attacchi di panico, nervosismo e, addirittura, epilessia. 

In breve

ATTENZIONE AL DISAGIO DEI GIOVANI

La soluzione per tenere lontani i ragazzi da smart drugs ed energy drink non è a portata di mano e non è semplice. Ma sta sempre tutta in una sola parola: dialogo. Se gli adolescenti riuscissero a esprimere il loro disagio e a indirizzare sensazioni assolutamente normali e fisiologiche verso attività creative, comunitarie e sportive, si sarebbe compiuto il primo passo verso l’estinzione di commerci illegali e pericoli subdoli.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti