Smartphone ai ragazzi: 7 regole (per i genitori) per uso consapevole

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 07/11/2019 Aggiornato il 07/11/2019

Ecco un vademecum per mamma e papà per guidare bambini e ragazzi a un utilizzo ragionato dello smartphone

Smartphone ai ragazzi: 7 regole (per i genitori) per uso consapevole

Nella fascia d’età compresa tra i 4 e i 10 anni sono in possesso di un telefono cellulare il 12% dei bambini, mentre tra i ragazzi di 11-17 anni è ben l’86,4% ad avere uno smartphone. Quanto all’utilizzo senza il controllo dei genitori, riguarda quasi la metà (il 49,6%) dei 4-17enni. È quanto si evince dai dati diffusi da Auditel-Censis sugli stili di vita delle famiglie italiane, che evidenziano come bambini e ragazzi maneggino smartphone e tablet sin dalla tenera età nonostante la maggior parte dei genitori individui gli anni della scuola media come quelli “giusti” per possedere un telefonino.

Pericolo dipendenza e cyberbullismo

Un argomento di sempre maggiore attualità è capire quale sia l’età minima affinché i ragazzi possano ricevere il loro primo telefono cellulare, evitando di incappare in problematiche che possono metterne a rischio l’incolumità e lo sviluppo psico-emotivo come l’eccessivo tempo di utilizzo, il rischio di dipendenza e il pericolo di cyberbullismo.

Non prima dei 12 anni

Gli effetti che l’uso del cellulare può provocare sullo sviluppo cerebrale dei bambini sono stati studiati da Panda Security, azienda attiva nel mondo della sicurezza informatica fondata in Spagna nel 1990, in collaborazione con l’American Academy of Pediatrics. Alla luce dell’indagine è stato stabilito che l’età giusta per introdurre l’uso dello smartphone – sotto supervisione – è intorno ai 12-14 anni, quando dal punto di vista cerebrale si sviluppano abilità come la risoluzione dei problemi, il pensiero critico e il controllo degli impulsi. Prima dei 12 anni, invece, l’uso di cellulari e simili provoca sovrastimolazione sensoriale ed espone i giovanissimi al rischio di cyberbullismo.

Sette regole per i genitori

L’azienda spagnola ha anche stilato sette regole da seguire per i genitori, per insegnare a bambini e ragazzi un utilizzo consapevole del telefonino:

  1. Cominciare con un telefono cellulare senza accesso a Internet.
  2. Non lasciarsi influenzare dall’età in cui i coetanei lo hanno ricevuto.
  3. Creare una serie di regole iniziali sull’utilizzo dello smartphone e stabilire le conseguenze delle eventuali violazioni.
  4. Impostare il parental control sul dispositivo.
  5. Controllare il tempo di utilizzo del cellulare nelle Impostazioni del dispositivo.
  6. Pianificare delle attività di famiglia prive di tecnologia per stimolare le interazioni umane e apprendimento “non digital”.
  7. Discutere apertamente con i bambini più grandi dei pericoli che possono essere legati all’uso degli smartphone.

 

Da sapere!

L’obiettivo di queste regole, spiegano gli esperti di Panda Security,  è far sì che “i ragazzi comprendano la responsabilità di possedere un telefonino, e di cosa potrebbe succedere se abusano di questo privilegio”.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti