Smartphone per 9 adolescenti su 10

Miriam Cesta
A cura di Miriam Cesta
Pubblicato il 24/10/2018 Aggiornato il 24/10/2018

Non si sentono soli, preferiscono la comunicazione tramite chat a quella di persona e ammettono che lo smartphone rappresenta una fonte di distrazione

Smartphone per 9 adolescenti su 10

Possiede uno smartphone l’89% degli adolescenti, ovvero nove su dieci, più del doppio rispetto a sei anni fa (nel 2012 era il 41%). Affermano di non sentirsi soli a causa dell’utilizzo di questa tecnologia, ma ammettono che rappresenta una fonte di distrazione e che preferiscono la comunicazione tramite chat a quella di persona. A delineare il quadro della relazione tra adolescenti e smartphone è Common Sense, organizzazione no-profit statunitense di San Francisco (California).

Per molti, ma non per tutti

Dall’indagine condotta su oltre mille adolescenti di 13-17 anni nel mondo emerge che per più della metà dei ragazzi gli smartphone rappresentano una fonte di distrazione durante lo studio (57%) o nelle interazioni dal vivo con altre persone (54%); il 44% degli intervistati, invece, si sente frustrato se, quando è in loro compagnia, gli amici rispondono al telefono.

Facebook in caduta libera

Dal 2012, anno della precedente rilevazione, è calata la percentuale di ragazzi che privilegia l’interazione di persona: dal 49% di allora è scesa al 32% di oggi, con l’uso della chat come modalità di comunicazione preferita. Quanto ai social, il 70% ammette di consultarli molte volte al giorno: il 44% preferisce Snapchat, mentre Facebook è in netta discesa: solo il 15% dei ragazzi lo ritiene il social preferito contro il 68% del 2012.

Nuovi disturbi

Il legame eccessivo con il proprio smartphone in alcuni casi può portare all’insorgenza di nuovi disturbi. Secondo un’indagine effettuata in Italia dall’Osservatorio nazionale adolescenza, che svolge ricerche su ragazzi di scuole medie e superiori, 8 adolescenti su 10 soffrono di nomofobia (no-mobile-phone), ovvero eccessiva paura o terrore all’idea di rimanere senza telefono o senza connessione internet, mentre per sei adolescenti su dieci è ormai d’abitudine il vamping, cioè la pratica di trascorrere molte ore notturne sui social con conseguente perdita di sonno.

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’impiego dello smartphone nelle ore serali tiene continuamente all’erta e la luce blu dello schermo ostacola la produzione della melatonina, l’ormone che favorisce l’addormentamento.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

Dubbi sulle date delle vaccinazioni

Le date che vengono indicate per vaccinare i bambini sono approvate dalla Comunità scientifica pediatrica, quindi non di deve temere di rispettarle.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti