Smartphone, usarlo cinque o più ore al giorno aumenta il rischio obesità

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 09/09/2019 Aggiornato il 09/09/2019

Chi usa troppo lo smartphone ha il 43% in più di probabilità di diventare obeso. Conferme dalla scienza

Smartphone, usarlo cinque o più ore al giorno aumenta il rischio obesità

Il tempo limite è 5 ore al giorno. Poi si incorre nel rischio obesità. L’uso eccessivo dello smartphone torna sotto accusa. Secondo uno studio eseguito su 1.060 studenti presentato alla conferenza dell’American College of Cardiology e condotto da Mirary Mantilla-Morrón, della Health Sciences Faculty presso la Simón Bolívar University di Barranquilla in Colombia usare il telefonino per più di 5 ore al giorno aumenta del 43% il rischio di diventare obesi. Questo perché “l’uso prolungato del telefonino facilita la sedentarietà e riduce l’attività fisica, condizioni associate ad aumentato rischio di morte prematura, diabete, malattie cardiovascolari, tumori, problemi osteoarticolari“.

Più smartphone, meno salute

L’ impiego eccessivo dello smartphone può contribuire a compromettere la salute perché si lega ad altri comportamenti negativi, come il mangiare in modo scorretto. È emerso, infatti, che usare per più di 5 ore al giorno lo smartphone  aumenta la probabilità di consumare bibite, mangiare cibo da fast food, snack dolci.

Attenzione a questi segnali

Tra i campanelli d’allarme dei soggetti telefono-dipendenti ci sono frequenti mal di schiena, mal di testa, modifiche nei ritmi del sonno, bruciore e lacrimazione degli occhi, mancanza di interessi e incapacità di staccarsi dallo smartphone.

 

 

 

Da sapere!

Secondo alcuni studi la dipendenza dagli smartphone può essere causata soprattutto da noia e solitudine. In generale, il rischio per le ragazze è 3 volte maggiore rispetto ai ragazzi perché trascorrono più tempo sui media device soprattutto alla ricerca di maggiori relazioni sociali.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti