Social network: rischio depressione se si usano troppo

Ricercatori statunitensi mettono in guardia dalla dipendenza da internet e in particolare dall’uso dei social network e sottolineano che può spianare la strada al "male oscuro"

Social network: rischio depressione se si usano troppo

L’ossessione per i social network è molto più diffusa di quanto si pensi e a esserne colpiti non sono solo i più giovani, ma anche gli adulti. Messaggi di testo, chat, pubblicazioni di foto in “presa diretta” e controllo ripetuto dei post e delle pubblicazioni altrui: a mettere in guardia dalla dipendenza da internet  e a sottolineare che questo disturbo può spianare la strada alla depressione è ora uno studio pubblicato sulla rivista Depression and Anxiety da un gruppo di ricercatori della School of Medicine dell’Università di Pittsburgh (Stati Uniti).

Depressione da internet

Secondo i ricercatori i mezzi di comunicazione sociale sono diventati parte integrante della vita al punto che è molto alto il rischio di finire nella spirale della dipendenza da internet, disturbo strettamente collegato alla depressione. La ricerca è la prima a essere condotta su scala nazionale negli Stati Uniti con l’obiettivo di esaminare l’associazione tra l’uso di diversi social network e lo sviluppo della depressione, e arriva dopo diversi altri studi condotti sul medesimo argomento.

La molla dell’invidia

Lui yi Lin, co-autrice dello studio, spiega che il meccanismo si innesca quando, navigando frequentemente sui social network, si viene “costantemente a contatto con rappresentazioni altamente idealizzate delle vite degli altri”: questo “può scatenare sentimenti come l’invidia e spingere erroneamente a pensare che gli altri conducano un’esistenza più felice e di successo”. Non solo: Lin spiega poi che impegnarsi sui social network in attività marginali o di scarsa importanza “può alimentare la sensazione di sprecare il tempo, influenzando negativamente l’umore”.

 

 

 
 
 

In breve

ATTENZIONE AL CYBERBULLISMO

Trascorrere troppo tempo sui social media può aumentare il rischio di avere  interazioni negative o di esporsi al cyberbullismo, tutti fattori che possono contribuire allo sviluppo della depressione.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti