Sovrappeso e obesità: tra i ragazzi europei è la norma

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 23/04/2014 Aggiornato il 23/04/2014

I ragazzi europei sono decisamente in sovrappeso, italiani compresi. Pigrizia e alimentazione sbagliata sono le prime cause dell’obesità

Sovrappeso e obesità: tra i ragazzi europei è la norma

L’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) sentenzia: è allarme obesità per i ragazzi europei. Infatti, un’indagine condotta in 53 Stati, ha portato risultati decisamente allarmanti riguardo la “forma” dei giovani europei: più del 23% dei tredicenni e ben il 33% degli undicenni risultano essere in sovrappeso.

Una classifica preoccupante

In vetta a questa classifica, ben poco incoraggiante, troviamo greci, portoghesi, irlandesi e spagnoli. In fondo, invece, vi sono gli olandesi e gli svizzeri (i giovani che sembrano essere i più magri). I ragazzi italiani si trovano nella parte alta della classifica, posizionandosi perfettamente nella media tendente a sovrappeso e obesità già prima dei 13 anni. Addirittura, se si analizzano bambini attorno agli 8 anni, risulta che ben il 49% dei maschi e il 42,5% delle femmine siano fuori peso norma.

Snobbata la dieta mediterranea

Ma perché i ragazzi sono così grassi? In primis, ricordiamo che solo il 2% dei neonati (clamorosamente, se pensiamo alle informazioni in merito) viene allattato esclusivamente al seno per 6 mesi. L’allattamento esclusivo al seno prolungato, infatti, pare essere una vera e propria forma di garanzia contro l’obesità in età adolescenziale e addirittura adulta. Oltre a queste causa “precoce”, la dieta sbagliata e squilibrata è l’indiscussa responsabile di tale situazione allarmante. Ed è incredibile se si pensa che l’Italia dovrebbe essere il paese principe dell’alimentazione mediterranea, che privilegia vegetali, oli buoni, cereali e pesce. La dieta di tipo mediterraneo pare, invece, essere snobbata dalla maggior parte delle famiglie italiane.

Colpa di un’alimentazione scorretta

Che cosa mangiano questi ragazzi in sovrappeso? Per la stragrande maggioranza: carboidrati raffinati, prodotti industriali, grassi saturi (oli vegetali idrogenati), zuccheri, carne e derivati animali stracolmi di ormoni e scarti. La frutta viene sì consumata in quantità ma il resto della dieta risulta assolutamente sbilanciato e povero di principi nutritivi, sali minerali, vitamine e proteine magre. Inoltre, gli italiani vincono negativamente anche rispetto all’uso del sale: ne mettono troppo e ovunque, quando è ormai risaputo che un eccesso di sodio porta a ipertensione, sovrappeso e malattie cardiovascolari.

Bando alla pigrizia

Un altro fattore scatenante sovrappeso e obesità tra i giovani è, senza alcun dubbio, la pigrizia in preoccupante crescita. Basti pensare che, addirittura il 60% degli adolescenti italiani, non pratica sufficiente attività fisica. Eppure, l’antidoto migliore ai chili di troppo non è per forza di cose la pratica di uno sport ma anche soltanto muoversi a piedi, giocare in cortile e diminuire le ore passate davanti a consolle e computer.

In breve

LA DIETA IDEALE PER I RAGAZZI

– Cereali integrali
– Legumi
– Verdura
– Frutta fresca e secca
– Pesce
– Latticini magri
– Poca carne e bianca

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti