Stress: adolescenti più colpiti degli adulti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/04/2014 Aggiornato il 03/04/2014

Una ricerca rivela che lo stress colpisce più gli adolescenti dei giovani adulti. I rimedi? Sport, riposo e clima sereno in famiglia

Stress: adolescenti più colpiti degli adulti

Adolescenti stressati, o meglio “bruciati”. È quanto emerge da una ricerca condotta nell’estate del 2013 dall’American psychological association su 1.000 ragazzi americani. Le interviste, effettuate online, dimostrano che la percezione dello stress è superiore nei ragazzi rispetto ai cosiddetti “millennials”, i trentenni. Se, su una scala da 1 a 10, per questi ultimi il grado di stress si attesta su un valore di poco superiore al 5, per i ragazzi arriva quasi a 6. Il 31% degli adolescenti dice di sentirsi stressato e per 1 su 3 questa difficile situazione psicofisica è l’anticamera della depressione.

La sindrome del burn out

Si chiama “sindrome del burn out”: i ragazzi accumulano un elevato livello di stress, fino a superare il limite massimo di sopportazione. Non solo ansia, malumore e irritabilità.  L’eccesso di stress può manifestarsi anche con sintomi fisici: mal di testa, mal di pancia, mancanza di appetito, nausea, vomito. Gli adolescenti stressati non reggono più, sono schiacciati dall’insoddisfazione e dall’infelicità, si sentono svuotati e depressi.

I consigli per le famiglie

Non bisogna trascurare l’attività fisica: lo sport è un valido antistress, aumenta l’autostima, è un momento di gratificazione e divertimento. È importante anche dormire a sufficienza (9-10 ore a notte, come definiscono le linee guida internazionali per il periodo della crescita).  E, infine, sforzarsi di lasciare fuori dalla porta di casa tensioni, stress e arrabbiature: i figli assorbono come spugne i malumori di mamma e papà, senza che questi se ne rendano conto. 

In breve

UNA GENERAZIONE DI “BRUCIATI”

Il “burn out” è uno stato di logoramento psicofisico dovuto all’incapacità di gestire, sostenere e scaricare lo stress accumulato.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti