Tatuaggi, attenzione ai melanomi nascosti

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 21/06/2021 Aggiornato il 21/06/2021

Sono sempre di più chi, anche giovanissimi, decidono i farsi i tatuaggi… salvo poi pentirsene. Scelta non sempre felice che va sempre ben ponderata, anche perché – specie se estesi – i tatuaggi possono nascondere un melanoma

Tatuaggi, attenzione ai melanomi nascosti

Il nome dell’ex oppure il disegno che ricorda un particolare avvenimento, ormai passato. I tatuaggi piacciono e il numero di chi li sceglie è in continua crescita. Come del resto il numero di chi, dopo aver fatto un disegno sulla pelle, se ne pente e decide di fare marcia indietro, compresi i giovanissimi.

Non è facile tornare indietro

Cosa peraltro non facilissima e che richiede un notevole dispendio di tempo e di denaro. Il primo problema resta comunque quello della sicurezza. Il periodo dell’emergenza sanitaria ha visto, infatti, dilagare l’abusivismo, con un aumento preoccupante dei rischi per la salute. Tanto che gli operatori del settore di recente hanno lanciato un appello per un progetto di legge che regolamenti tutto il settore e richieda una formazione adeguata per poter esercitare la professione di tatuatore.

Può nascondere un melanoma

La denuncia è arrivata dopo il webinar ‘Il melanoma nascosto nel tatuaggio’,  organizzato dall’Intergruppo Melanoma Italiano (IMI). La diagnosi di melanoma, tumore della pelle particolarmente aggressivo, può essere non facile nei punti del corpo, dove la pelle è ricoperta da un tatuaggio, per via della difficoltà di individuare o valutare il neo sospetto.

Anche altri rischi

La pratica dei tatuaggi comporta anche altri rischi: il 3,3% dei tatuati ha, infatti, avuto una complicanza più o meno importante, percentuale che sale al 6,6% nel caso in cui nel disegno predominino gli inchiostri rossi o gialli. Il tatuaggio è una moda che ha contagiato il 20% della popolazione europea, pari a oltre 60 milioni di persone. «Di questi 7 milioni sono italiani, le donne sono un po’ più degli uomini » dichiara Ignazio Stanganelli, presidente dell’IMI e direttore della Skin Cancer Unit IRCCS Istituto Romagnolo per lo Studio dei Tumori. Non si conosce però il numero di quanti hanno tatuaggi estesi su ampie aree corporee che sono quelli che più facilmente possono nascondere un neo sospetto.

Più in pericolo i giovanissimi

Il tatuaggio piace in modo particolare ai minori e questo è motivo di allarme: il 7,7% di chi si è sottoposto ai tatuaggi ha tra i 12 e i 18 anni. Un dato preoccupante visto che i tatuaggi si possono eseguire solo dai 16 anni in poi e occorre comunque una liberatoria dei genitori. In questo frangente è fondamentale più che mai anche il ruolo nel campo dell’informazione fornita delle associazioni dei pazienti.

 

 

 

 
 
 

Il parere dell’esperto

«Un adeguato programma divulgativo favorirebbe la consapevolezza dei rischi e funge da guida per un migliore stile di vita, potenziando la relazione tra medici e utenti» conclude Giovanna Niero, presidente dell’Associazione Italiana Malati di Melanoma

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fimosi dei maschietti: agire con cautela e cognizione di causa è d’obbligo!

04/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

Paradossalmente può essere la manovra che a volte si esegue per favorire lo scorrimento del prepuzio sopra il glande a ostacolare la risoluzione spontanea della fimosi, quindi a peggiorarla.  »

Menarca a 10 anni: è preoccupante?

03/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La prima mestruazione a 10 anni non è un fenomeno significativo dal punto di vista medico, mentre lo è il sovrappeso che probabilmente ne ha favorito la comparsa.   »

In ansia per quello che non mangerà alla scuola materna

31/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

All'asilo i bambini tendono ad accettare di buon grado pietanze che a casa respingono, per imitare i coetanei. L'ingresso in comunità sotto il profilo dell'alimentazione è spesso provvidenziale.   »

Fai la tua domanda agli specialisti