Tatuaggi: attenzione anche ai pigmenti

Alberta Mascherpa
A cura di Alberta Mascherpa
Pubblicato il 29/10/2018 Aggiornato il 29/10/2018

La pericolosità dei tatuaggi deriva anche dagli inchiostri utilizzati, alcuni dei quali sono tossici

Tatuaggi: attenzione anche ai pigmenti

I tatuaggi sulla pelle sono una moda dilagante a tutte le età ma soprattutto tra gli adolescenti, che però potrebbe avere effetti dannosi sulla salute. In due casi su tre, infatti, i medici segnalano effetti collaterali dopo l’esecuzione dei tatuaggi. Innanzitutto, la maggior sensibilità nei confronti delle radiazioni solari nel punto dove è stato fatto il tattoo, ma sono frequenti anche le reazioni allergiche, prurito e bruciore. A lanciare l’allarme sono gli esperti europei nell’ambito dell’European Academy of Dermatology and Venereology, tenutosi di recente Parigi che hanno chiesto di rafforzare la normativa sugli inchiostri usati per i tatuaggi.

La sicurezza non è mai troppa

I regolamenti di sicurezza sono già attivi, ma riguardano esclusivamente le norme igieniche che devono essere adottate negli studi di tattoo per prevenire le possibili infezioni. Ma non basta perché anche gli inchiostri possono essere pericolosi. Su richiesta della Commissione Europea, l’Echa (l’Agenzia europea per le sostanze e chimiche) ha preparato due proposte per rendere più sicura la composizione dei colori usati per i tatuaggi. Ma si tratta comunque di misure ancora insufficienti per garantire inchiostri sicuri senza alcun rischio di tossicità. Per limitare gli effetti tossici e cancerogeni a lungo termine servono misure rigorose e metodi analitici appropriati. Gli esperti chiedono che gli inchiostri per tatuaggi rispondano almeno agli stessi standard di sicurezza adottati per i cosmetici.

Contaminazioni e metalli pesanti

Uno studio danese sulla contaminazione degli inchiostri ha messo in evidenza che almeno uno su dieci presenta una contaminazione da batteri. Nei pigmenti colorati poi possono essere presenti tracce di metalli pesanti nano-particolati che, penetrando nella cute, possono causare seri problemi di salute. I coloranti sintetici per i tatuaggi possono rilasciare ammine aromatiche e idrocarburi aromatici policiclici che possono avere effetti cancerogeni. Quando si decide di fare un tatuaggio, quindi, occorrerebbe anche controllare anche la composizione degli inchiostri e la loro provenienza.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

I colori più a rischio sono il giallo, il rosso e le loro varie sfumature; attenzione anche al nero di provenienza inorganica che può contenere idrocarburi policiclici aromatici, famiglia di composti che comprende anche sostanze cancerogene.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Capricci: aiuto, non so gestirli!

La corretta gestione dei capricci è di fondamentale importanza sia per insegnare che esistono regole che non si possono tragredire sia per favorire la resilienza, che è la preziosa capacità di sopportare le frustrazioni e di affrontare le condizioni stressanti rimanendo il equilibrio.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti