Troppi sms? Attenzione alla retina!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/07/2014 Aggiornato il 30/07/2014

Mandare troppi sms potrebbe essere un rischio per gli occhi di molti giovani. Il pericolo? Il distacco della retina

Troppi sms? Attenzione alla retina!

Un messaggio sms via l’altro, per un totale incredibilmente alto. Un lavoro di digitazione che occupa gran parte della giornata degli adolescenti. Ma quest’attività sociale virtuale, se frenetica, non è così innocua. Infatti, per i medici, è allarme sms: messaggiare troppo danneggia la salute degli occhi e può persino portare a distacco della retina e cecità.

Attenzione agli occhi

Certamente non è possibile dire a un adolescente di smettere di messaggiare con i coetanei o di staccarsi da Internet. Questa modalità di comunicazione così rapida e, per lo più, “gratuita” è una tentazione troppo grande per poterci rinunciare. Se si aggiunge a tutto ciò la presenza degli amici su ogni tipo di chat, l’attività domanda-risposta diventa parte integrante e irrinunciabile della quotidianità. Questo allarme sms pare aggravato dall’esistenza delle chat istantanee come WhatsApp e la connessa WeChat: stati d’animo, organizzazione della giornata, foto, icone…sembra non esserci mai una fine. A un ragazzo cinese, però, questa abitudine è costata la retina dell’occhio: a un certo punto, mentre messaggiava, ha iniziato a non vederci più. Diagnosi? Distacco della retina, con concreto rischio di rimanere cieco.

Non più solo agli anziani

Il distacco della retina non è quindi più soltanto un problema degli anziani ma inizia a coinvolgere anche i giovani. E la colpa è dell’uso smodato e continuo degli strumenti tecnologici.

Ai genitori spetta il controllo

Come per tutte le attività quotidiane, occorrono buonsenso ed equilibrio. E se queste qualità ancora mancano al ragazzo, è il genitore che ha il compito di intervenire con una corretta informazione e illustrazione dei rischi per la salute. Insomma, un invito a contenersi supportato da argomentazioni scientifiche. 

In breve

LA RETINA SI STA STACCANDO SE…

Quali sono i sintomi che dovrebbero preoccupare? L’apparizione di fasci luminosi, puntini neri visibili con la coda dell’occhio, abbassamento della vista, visibilità oscurata. Nel caso si incorra in questo problema, l’intervento chirurgico resta l’unica soluzione. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti