Trucchi e ragazzine. Le regole da dare alle nostre figlie per evitare eccessi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/11/2012 Aggiornato il 21/11/2012

Mediare e non vietare per ottenere risultati. Ecco alcuni accorgimenti per aiutare le ragazzine a usare i trucchi nel modo corretto

Trucchi e ragazzine. Le regole da dare alle nostre figlie per evitare eccessi

 

In Inghilterra vietati in un college

Mamme e ragazzine ai ferri corti per l’uso dei trucchi. In Inghilterra l’annosa questione è stata risolta in modo drastico dallo Shelley College di Huddersfiled: alunne in classe solo se con il viso acqua e sapone. Spesso, però, imporre divieti è controproducente. Per evitare gli eccessi è preferibile impostare un buon dialogo con le proprie figlie e arrivare a una sana mediazione.

Un modo per affermare la propria identità e far parte di un gruppo

Le ragazzine sentono il bisogno di truccarsi per affermare la personalità e definire l’identità sessuale. Un altro elemento da tenere presente che sicuramente spiega il perché le ragazzine inizino a truccarsi è l’esigenza di imitare le proprie coetanee e di non sentirsi escluse dal gruppo. I dermatologi, però, avvertono: l’uso dei trucchi può rovinare la pelle; non bisogna mai esagerare e serve ricordarsi di struccarsi bene la sera prima di andare a dormire.

Le buone regole da dare alle nostre figlie

Vediamo in sintesi alcune regole per evitare gli effetti collaterali del trucco:

– non comprare trucchi nelle bancarelle: costando poco possono rovinare la pelle delle ragazzine;
– non scambiare i prodotti tra le amiche per evitare il contatto con eventuali batteri;
– vincere la pigrizia e struccarsi bene prima di andare a letto;
– utilizzare trucchi “poco pesanti”: meglio la crema colorata rispetto al fondotinta, il burro di cacao rispetto al rossetto:
– non esagerare con la matita per evitare l’“effetto panda” e non ripassarla più volte durante il giorno;
– imparare a usare bene il mascara: meglio utilizzarne poco per non appesantire lo sguardo. Ricordarsi poi di non pompare aria nel flacone muovendo troppo lo scovolino: i batteri che potrebbero entrare contaminerebbero la formula e rischierebbero di provocare irritazioni.

In breve

Attenzione a non esagerare

Sono moltissime le ragazzine che amano truccarsi per affermarsi individualmente e socialmente. A volte, però, esagerano. Ecco i consigli dei dermatologi per non rovinare la pelle.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti