Tumore al colon: più rischi se obesi da piccoli

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 25/09/2017 Aggiornato il 25/09/2017

Il sovrappeso aumenta di oltre il 50 per cento le probabilità di ammalarsi di tumore al colon e del 70 per cento di quello al retto

Tumore al colon: più rischi se obesi da piccoli

Una dieta equilibrata non solo garantisce un apporto di nutrienti in grado di soddisfare i fabbisogni dell’organismo, ma permette anche di ricevere sostanze che svolgono un ruolo protettivo nei confronti di gravi malattie. Non a caso, infatti, l’obesità infantile è stata riconosciuta come un importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari e il diabete e il cancro. Adesso è emersa una relazione anche con lo sviluppo del tumore al colon.

I numeri in Italia

In Italia l’obesità infantile sfiora la percentuale del 10% (dati  2016) mentre quella dei bambini in sovrappeso è del  21,3%. Preoccupanti sono i numeri emersi dall’ultima ricerca svolta dal Centro medico Rabin e dell’Università di Tel Aviv (Israele), e pubblicato sulla rivista scientifica Cancer, secondo cui l’obesità è un fattore di rischio, in particolare, per il tumore al colon: l’obesità aumenta del 53% il rischio di tumore al colon negli uomini e del 54% nelle donne ed è stata associata ad un aumento del rischio di tumore del retto del 71% negli uomini e del doppio nelle donne. Nel corso del loro studio i ricercatori hanno analizzato 1.087.358 adolescenti maschi e 707.212 femmine, misurando l’indice di massa corporea (bmi), seguendoli per oltre 20 anni.

Imc e circonferenza vita

In questo lungo intervallo di tempo sono stati identificati 2.967 casi di tumore del colon – retto, di cui 1.977 negli uomini (1.403 colon, 574 del retto) e 990 nelle donne (764 colon, 226 retto). Per tenere sotto controllo il proprio peso sono importanti due parametri: l’indice di massa corporea (Imc), che si ottiene dividendo il peso (in chilogrammi) per il quadrato dell’altezza. L’altro valore importante da tenere sotto controllo è quello della circonferenza della vita, che non dovrebbe superare gli 80 cm: il tessuto adiposo sull’addome incide sul  rischio di malattie cardiovascolari e dismetaboliche.

 

 
 
 

Da sapere!

L’obesità infantile altera con il tempo e meccanismi biologici che favoriscono il rischio di tumore.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti