Va d’accordo con gli insegnanti? Il carattere ci guadagna

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/10/2016 Aggiornato il 04/10/2016

I teenager che sviluppano un buon rapporto con gli insegnanti risultano il 38% meno aggressivi e il 56% meno oppositivi. E l'effetto permane negli anni

Va d’accordo con gli insegnanti? Il carattere ci guadagna

Un buon rapporto con gli insegnanti educa i ragazzi al rispetto dell’altro e alla non aggressività. Per ottenere i primi risultati, poi, non sarebbe necessario attendere: il cambiamento in positivo, infatti, si percepirebbe sin da subito e, inoltre, permarrebbe negli anni. A sottolinearlo è uno studio pubblicato su Journal of Youth and Adolescence dal Swiss Federal Institute of Technology di Zurigo (Svizzera) in collaborazione con il Violence Research Centre del Cambridge’s Institute of Criminology (Regno Unito) e con l’Università di Toronto (Canada), secondo cui se i ragazzi di 11 anni intessono una sana relazione con i loro insegnanti cresceranno meno aggressivi e più altruisti e cooperativi. I ricercatori spiegano, quindi, che buoni insegnanti potrebbero fare la differenza nello sviluppo dei ragazzi, soprattutto in momenti delicati della crescita come quelli della preadolescenza e dell’adolescenza.

Esaminati oltre 1.000 ragazzi

I ricercatori sono giunti alle loro conclusioni dopo aver esaminato i dati relativi a 1067 ragazzi svizzeri provenienti da 56 scuole di Zurigo. Particolare attenzione è stata posta dagli studiosi a quei bambini che, intorno ai 10 anni, avevano cambiato insegnantI per diversi motivi. Vari i fattori considerati, tra cui il contesto socio-economico e culturale delle famiglie di origine dei ragazzi partecipanti allo studio: dai risultati è emerso che i teenager che avevano sviluppato un buon rapporto con i propri insegnanti risultavano il 38% meno aggressivi e il 56% meno oppositivi e provocatori – con un effetto che rimaneva anche a 15 anni – e il 18% più altruisti e cooperativi rispetto ai coetanei che provavano sentimenti misti o negativi verso i docenti.

 

 

 
 
 

In breve

IMPORTANTE ANCHE L’ESEMPIO DEI GENITORI

Per ridurre l’aggressività nei ragazzi è fondamentale che i genitori, sin da quando i bambini sono piccoli, diano loro il buon esempio evitando di ricorrere alla violenza fisica e verbale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti