Vagina bionica, successo dell’impianto su 4 adolescenti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/05/2014 Aggiornato il 02/05/2014

La prima vagina bionica è stata impiantata in quattro adolescenti nate con una malattia genetica. Dopo otto anni l’organo funziona perfettamente

Vagina bionica, successo dell’impianto su 4 adolescenti

La scienza vive di progressi che, fino a poco tempo fa, neanche si sarebbero potuti immaginare. Questo è il caso, peresempio, della notizia sulla vagina bionica. La news arriva dagli Usa e riguarda quattro adolescenti (tra Usa e Messico) cui è stata impiantata una vagina realizzata in laboratorio con le stesse cellule delle ragazze.

Nuove speranze per la chirurgia ricostruttiva

Il lavoro-esperimento, guidato con successo da Anthony Atala (stimato scienziato del North Carolina) è stato monitorato a lungo termine e, oltre alla perfetta riuscita dell’intervento in sé, ha evidenziato un risultato assolutamente positivo e anche inaspettato. La vagina bionica è stata perfettamente ricostruita in laboratorio a partire dalle cellule delle pazienti e, una volta impiantata, si è dimostrata perfettamente compatibile, non mostrando segni di rigetto come accade spesso per gli organi e i tessuti trapiantati. Questo successo della scienza e della medicina, però, non si ferma al caso specifico ma dona nuove speranze a chi è costretto a sottoporsi a operazioni di chirurgia ricostruttiva (post interventi, patologie gravi, ustioni, incidenti) di qualsiasi organo o tessuto.

Il caso delle 4 adolescenti

Le pazienti a cui è stata impiantata la vagina bionica, sono nate con una grave e rara patologia genetica: la sindrome di Mayer-Rokitansky-Kuster-Hauser. Questa malattia rende inesistenti o poco sviluppati gli organi riproduttivi (utero e vagina). Le adolescenti, al momento dell’intervento, avevano tra i 13 e i 18 anni d’età. A distanza di ben otto anni, gli organi impiantati funzionano perfettamente e non hanno evidenziato particolari problemi.

Una vita normale grazie alla scienza

In seguito agli interventi, gli scienziati e i ricercatori hanno monitorato gli organi impiantati attraverso biopsie dei tessuti, risonanze magnetiche ed esami vari, riscontrando aspetto e funzionamento del tutto simili a organi non riprodotti. Non trascurabile, inoltre, il feedback diretto delle pazienti che, attraverso specifici questionari, hanno affermato di avere una vita sessuale normale e assolutamente soddisfacente. La metodologia di ricreazione di organi umani in laboratorio, è stata a lungo sperimentata dai ricercatori guidati da Atala. Sempre a partire dalle cellule degli stessi pazienti, è stata utilizzata la tecnica di “montaggio” su supporto biodegradabile (scaffold) anche per la costruzione (e successivo impianto) di parti di vescica in bambini, così come di  ureteri ingegnerizzati in un gruppo di adolescenti. La ricostruzione di parti corporee e interi organi umani scatena da sempre feroci dibattiti di natura etica ma, da un punto di vista oggettivo, è in grado di restituire la vita e un’esistenza dignitosa alle vittime di incidenti e ustioni così come a chi è stato “mutilato” da interventi chirurgici in seguito a neoplasie e patologie degenerative.

 

In breve

COME SI COSTRUISCE UN ORGANO ARTIFICIALE

Gli organi artificiali sono stati ingegnerizzati in laboratorio, usando le cellule cellule epiteliali e muscolari delle pazienti (operazione che ha richiesto solo una piccola biopsia agli organi genitali esterni). Le cellule “lavorate” hanno poi attecchito a uno speciale materiale biodegradabile cucito a mano secondo la forma naturale e anatomica della vagina di ciascuna paziente (simil-organo). In seguito, i chirurghi hanno operato le ragazze creando uno specifico canale all’interno del bacino, atto a “ospitare” la vagina ricostruita. Il resto del lavoro l’ha compiuto la natura stessa: infatti, una volta impiantato un organo, il corpo umano produce e forma da sé elementi indispensabili come vasi sanguigni e fibre muscolari. Il materiale che sosteneva le cellule viene, poi, progressivamente assorbito dall’organismo e, al contempo, si forma un organo naturale perfettamente funzionante.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti