4 anni: troppo pochi per andare a scuola

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 24/10/2016 Aggiornato il 24/10/2016

Non è solo una questione di testa. Prima dei 4 anni i bambini non possiedono le caratteristiche fisiche necessarie per andare a scuola. Ecco perché

4 anni: troppo pochi per andare a scuola

Avranno una vita intera per studiare. Eppure, molti genitori non vedono l’ora che i figli inizino la scuola e imparino a scrivere, leggere, fare i conti. Meglio, però, non accelerare troppo i tempi: i bimbi piccoli, specialmente sotto i 4 anni, non sono ancora fisicamente e mentalmente pronti per stare seduti in classe. L’ennesima conferma arriva dal Regno Unito, dove un team di ricercatori ha realizzato una serie di ricerche su questo tema.

Non sono mentalmente pronti

È vero che ogni bimbo è a sé e ha i propri tempi. Tutti, però, prima dei 4 anni sono immaturi per la scuola. A ribadirlo sono gli studi condotti dagli  esperti della Scuola di Scienze dello Sport, dell’Esercizio e della Salute dell’Università di Loughborough, in Gran Bretagna. A differenza di quanto pensano in molti, non è solo una questione di “testa”. Indubbiamente i bimbi piccoli non hanno la concentrazione e l’attenzione necessarie per seguire una lezione vera e propria. Inoltre, le loro abilità di scrittura, lettura, calcolo, linguaggio e così via sono ancora immature: anche se stimolati nel modo corretto, dunque, non possono adempiere ai doveri e compiti richiesti a ogni alunno. Ma anche fisicamente non sono ancora pronti.

Le difficoltà fisiche

Gli studiosi britannici hanno appurato che a 4 anni non si possiedono ancora le capacità di equilibrio e di coordinazione necessarie per stare seduti a un banco, impugnare una matita e leggere. Non è un caso che proprio le difficoltà di equilibrio e coordinazione siano associate a disturbi importanti, come la dislessia, la sindrome da deficit di attenzione/iperattività, la disprassia (disturbo dell’organizzazione del movimento): tutte problematiche che, a loro volta, possono incidere in maniera negativa sull’apprendimento dei piccoli studenti. “Lo sviluppo fisico di un bambino influenza le sue capacità di eseguire compiti semplici come stare seduto fermo, stringere una matita, mettersi le scarpe, e soprattutto leggere” hanno spiegato gli autori.

Sempre meno pronti

I risultati di queste indagini sono stati corroborati dal parere degli insegnati. Secondo loro, addirittura, negli ultimi anni si è assistito a una compromissione dell’idoneità fisica dei bambini: sono sempre di più quelli che non sono fisicamente pronti a iniziare la scuola. Per quale ragione? “Oggi i bambini si muovono di meno, si sviluppano meno bene, e stano imparando di meno; dobbiamo fare qualcosa di drastico per assicurarci che ora e in futuro i bambini facciano il movimento di cui hanno bisogno per svilupparsi adeguatamente dal punto di vista fisico, intellettuale ed emotivo” hanno dichiarato.

 

 

 
 
 

da sapere!

Per capire se il proprio figlio può essere iscritto con un anno di anticipo alla scuola primaria, è bene parlare approfonditamente della questione con le maestre. La decisione, infatti, va ponderata attentamente.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti