4 anni: troppo pochi per andare a scuola

Non è solo una questione di testa. Prima dei 4 anni i bambini non possiedono le caratteristiche fisiche necessarie per andare a scuola. Ecco perché

Avranno una vita intera per studiare. Eppure, molti genitori non vedono l’ora che i figli inizino la scuola e imparino a scrivere, leggere, fare i conti. Meglio, però, non accelerare troppo i tempi: i bimbi piccoli, specialmente sotto i 4 anni, non sono ancora fisicamente e mentalmente pronti per stare seduti in classe. L’ennesima conferma arriva dal Regno Unito, dove un team di ricercatori ha realizzato una serie di ricerche su questo tema.

Non sono mentalmente pronti

È vero che ogni bimbo è a sé e ha i propri tempi. Tutti, però, prima dei 4 anni sono immaturi per la scuola. A ribadirlo sono gli studi condotti dagli  esperti della Scuola di Scienze dello Sport, dell’Esercizio e della Salute dell’Università di Loughborough, in Gran Bretagna. A differenza di quanto pensano in molti, non è solo una questione di “testa”. Indubbiamente i bimbi piccoli non hanno la concentrazione e l’attenzione necessarie per seguire una lezione vera e propria. Inoltre, le loro abilità di scrittura, lettura, calcolo, linguaggio e così via sono ancora immature: anche se stimolati nel modo corretto, dunque, non possono adempiere ai doveri e compiti richiesti a ogni alunno. Ma anche fisicamente non sono ancora pronti.

Le difficoltà fisiche

Gli studiosi britannici hanno appurato che a 4 anni non si possiedono ancora le capacità di equilibrio e di coordinazione necessarie per stare seduti a un banco, impugnare una matita e leggere. Non è un caso che proprio le difficoltà di equilibrio e coordinazione siano associate a disturbi importanti, come la dislessia, la sindrome da deficit di attenzione/iperattività, la disprassia (disturbo dell’organizzazione del movimento): tutte problematiche che, a loro volta, possono incidere in maniera negativa sull’apprendimento dei piccoli studenti. “Lo sviluppo fisico di un bambino influenza le sue capacità di eseguire compiti semplici come stare seduto fermo, stringere una matita, mettersi le scarpe, e soprattutto leggere” hanno spiegato gli autori.

Sempre meno pronti

I risultati di queste indagini sono stati corroborati dal parere degli insegnati. Secondo loro, addirittura, negli ultimi anni si è assistito a una compromissione dell’idoneità fisica dei bambini: sono sempre di più quelli che non sono fisicamente pronti a iniziare la scuola. Per quale ragione? “Oggi i bambini si muovono di meno, si sviluppano meno bene, e stano imparando di meno; dobbiamo fare qualcosa di drastico per assicurarci che ora e in futuro i bambini facciano il movimento di cui hanno bisogno per svilupparsi adeguatamente dal punto di vista fisico, intellettuale ed emotivo” hanno dichiarato.

 

 

 
 
 

da sapere!

Per capire se il proprio figlio può essere iscritto con un anno di anticipo alla scuola primaria, è bene parlare approfonditamente della questione con le maestre. La decisione, infatti, va ponderata attentamente.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti