4 ore al giorno davanti alla Tv: troppe!

I bambini in età prescolare passano anche 4 ore al giorno on line o davanti alla Tv. Rischio dipendenza e obesità

4 ore al giorno davanti alla Tv: troppe!

Secondo l’indagine “Children and Parents: media use and attitudes report 2016” realizzata dall’Ofcom, l’organismo che monitora e regola il settore delle comunicazioni nel Regno Unito, c’è una generazione di bimbi under 5 che trascorre almeno 4 ore al giorno incollata davanti a uno schermo (sia esso della tv, del pc o del tablet) e più di un’ora online. Che diventano poi 5 ore e 33 minuti tra i 5 e i 15 anni.

Lo schermo crea dipendenza

Il tempo trascorso online, però, toglie tempo prezioso al gioco, anche all’aria aperta, ai rapporti sociali, oltre a creare facilmente dipendenza. In nome dell’alfabetizzazione informatica, i bambini vengono avvicinati alla tecnologia troppo presto e in modo poco curato, e soprattutto i “device” vanno a sostituire esperienze fondamentali e imprescindibili per la crescita.

Tante conseguenze negative

È sempre più numerosa la percentuale di bimbi in età prescolare che possiede già uno strumento tecnologico. A 3-4 anni più della metà dei piccoli censiti usa un tablet ed entro i 6 più della metà ne possiede uno. A 10 anni quasi tutti possiedono un cellulare e le conseguenze di questa precocità si fanno sentire su tutti i piani. Si va da un aumento dei problemi di obesità, direttamente collegata alla vita troppo sedentaria, all’isolamento sociale, risultato di una tendenza a sostituire i rapporti sociali con i contatti in Rete, e quindi la perdita graduale di empatia con le persone. Inoltre, la dipendenza crea passività, alienazione, incapacità di concentrarsi su un obiettivo.

Il tablet per i più piccoli

Secondo il report dell’Ofcom, per la prima volta i ragazzini inglesi spendono più tempo su smartphone e tablet che davanti alla tradizionale Tv. In particolare, il tablet è il dispositivo preferito nell’infanzia, mentre quando gli adolescenti preferiscono lo smartphone. YouTube è diventato uno dei canali più popolari per i bambini, con il 73% dei ragazzini fra i 5 anni e i 15 anni e il 37% dei bambini in età prescolare che usano regolarmente siti di video online, guardando cartoni e mini film anche per 4 ore al giorno o più.

 

 

 
 
 

In breve

QUEST’ANNO IL SORPASSO INTERNET-TV

Nel 2017 è previsto il definitivo sorpasso di internet sulla televisione, in quanto a tempo di fruizione, per lo meno in alcuni Paesi europei, primo fra tutti la Germania. Il fenomeno non riguarda soltanto i ragazzi e si deve anche al passaggio di molti contenuti su piattaforme digitali.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

Dubbi sulle date delle vaccinazioni

Le date che vengono indicate per vaccinare i bambini sono approvate dalla Comunità scientifica pediatrica, quindi non di deve temere di rispettarle.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti