4 ore al giorno davanti alla Tv: troppe!

I bambini in età prescolare passano anche 4 ore al giorno on line o davanti alla Tv. Rischio dipendenza e obesità

Secondo l’indagine “Children and Parents: media use and attitudes report 2016” realizzata dall’Ofcom, l’organismo che monitora e regola il settore delle comunicazioni nel Regno Unito, c’è una generazione di bimbi under 5 che trascorre almeno 4 ore al giorno incollata davanti a uno schermo (sia esso della tv, del pc o del tablet) e più di un’ora online. Che diventano poi 5 ore e 33 minuti tra i 5 e i 15 anni.

Lo schermo crea dipendenza

Il tempo trascorso online, però, toglie tempo prezioso al gioco, anche all’aria aperta, ai rapporti sociali, oltre a creare facilmente dipendenza. In nome dell’alfabetizzazione informatica, i bambini vengono avvicinati alla tecnologia troppo presto e in modo poco curato, e soprattutto i “device” vanno a sostituire esperienze fondamentali e imprescindibili per la crescita.

Tante conseguenze negative

È sempre più numerosa la percentuale di bimbi in età prescolare che possiede già uno strumento tecnologico. A 3-4 anni più della metà dei piccoli censiti usa un tablet ed entro i 6 più della metà ne possiede uno. A 10 anni quasi tutti possiedono un cellulare e le conseguenze di questa precocità si fanno sentire su tutti i piani. Si va da un aumento dei problemi di obesità, direttamente collegata alla vita troppo sedentaria, all’isolamento sociale, risultato di una tendenza a sostituire i rapporti sociali con i contatti in Rete, e quindi la perdita graduale di empatia con le persone. Inoltre, la dipendenza crea passività, alienazione, incapacità di concentrarsi su un obiettivo.

Il tablet per i più piccoli

Secondo il report dell’Ofcom, per la prima volta i ragazzini inglesi spendono più tempo su smartphone e tablet che davanti alla tradizionale Tv. In particolare, il tablet è il dispositivo preferito nell’infanzia, mentre quando gli adolescenti preferiscono lo smartphone. YouTube è diventato uno dei canali più popolari per i bambini, con il 73% dei ragazzini fra i 5 anni e i 15 anni e il 37% dei bambini in età prescolare che usano regolarmente siti di video online, guardando cartoni e mini film anche per 4 ore al giorno o più.

 

 

 
 
 

In breve

QUEST’ANNO IL SORPASSO INTERNET-TV

Nel 2017 è previsto il definitivo sorpasso di internet sulla televisione, in quanto a tempo di fruizione, per lo meno in alcuni Paesi europei, primo fra tutti la Germania. Il fenomeno non riguarda soltanto i ragazzi e si deve anche al passaggio di molti contenuti su piattaforme digitali.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Massaggi anticellulite: si possono fare mentre si allatta?

I massaggi anticellulite possono essere effettuati tranquillamente durante l'allattamento, anche alla luce di una massima che tutte le neomamme dovrebbero fare propria: tutto quello che le fa sentire meglio si rifette positivamente sul bebè.   »

Fai la tua domanda agli specialisti