Allarme pidocchi tra i bambini dai 3 ai 6 anni

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/05/2013 Aggiornato il 16/05/2013

Negli ultimi tempi, nelle scuole materne, si è avuto un boom di casi di pidocchi tra i bambini. Che tra i 3 e i 6 anni sono veicoli “perfetti” per trasmettersi, l’uno con l’altro, questi parassiti

Allarme pidocchi tra i bambini dai 3 ai 6 anni

È allarme pidocchi in Italia. Secondo i pediatri della Federazione italiana medici pediatri (Fimp) c’è stato, infatti, un significativo aumento dei casi di pidocchi tra i bambini. E come sempre la scuola, soprattutto quella materna, è il luogo privilegiato per la loro diffusione. I bambini tra i 3 e i 6 anni, in particolare, sono veicoli perfetti per questi parassiti dell’uomo perché a questa età c’è più promiscuità rispetto al nido o alle scuole elementari e, dunque, il contagio è più semplice.

Il contagio è “diretto” o attraverso lo scambio di oggetti

La trasmissione avviene direttamente da bambino a bambino oppure attraverso l’utilizzo di oggetti come pettini o nastrini (non a caso le femmine sono più soggette al contagio). I pediatri, inoltre, ricordano che non esistono prodotti in grado di evitare o prevenire l’infestazione dei pidocchi tra i bambini; semplicemente quando ci si accorge del contagio bisogna lavare i capelli con un prodotto specifico da acquistare in farmacia. La cosa importante, poi, è passare tra i capelli con un pettine a denti stretti e asportare pazientemente le uova, che non vengono distrutte dai prodotti. Dopo una settimana il trattamento va ripetuto.
Di aumento di casi di pidocchi tra i bambini si parla comunque da tempo: il dermatologo Fabio Rinaldi, presidente Ihrf (International hair research foundation) e docente presso la Sorbona di Parigi, ha dichiarato che le scuole italiane hanno bisogno di una maggior cura e igienizzazione degli ambienti e che, in questo senso, “i tagli decisi dal governo non hanno aiutato”.

In breve

LA SCUOLA MATERNA È IL "LUOGO PRIVILEGIATO"

Tra i 3 e i 6 anni i bambini giocano a stretto contatto tra loro ed è, quindi, molto facile che se un piccolo ha i pidocchi li “passi” ai suoi compagni di giochi. Il contagio avviene facilmente anche attraverso lo scambio di oggetti personali.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti