Bambini e inquinamento: l’intervista al dottor Marziani

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/03/2012 Aggiornato il 28/03/2012

Sono i bambini le principali vittime dell’inquinamento. Il pediatra spiega le conseguenze dello smog sulla salute e che cosa è possibile fare per limitare i danni

Bambini e inquinamento: l'intervista al dottor Marziani

Non esistono, purtroppo, rimedi efficaci per eliminare i rischi legati all’inquinamento per i bambini. Si può, però, fare ricorso al buon senso e alla prudenza. Abbiamo intervistato al riguardo il pediatra Edgardo Marziani.

Quali sono i bambini che rischiano di più irritazioni e problemi causati dall’inquinamento?

I piccoli nella fascia d’età da 0 ai 2 anni, in quanto i polmoni non sono ancora del tutto sviluppati. E ovviamente quelli più sensibili e già predisposti a problemi all’apparato respiratorio e a broncospasmi. Non ci sono grosse novità a livello di prevenzione, valgono le solite accortezze, soprattutto se il piccolo è particolarmente predisposto.

Per esempio?

Per proteggere i bambini dai danni dell’inquinamento si possono usare gli umidificatori in casa, per mantenere il giusto grado di umidità, e fare al bambino frequenti lavaggi nasali. Se è particolarmente predisposto è bene che non esca di casa quando fa molto freddo, perché il freddo favorisce le irritazioni. In ogni caso, è consigliato non far uscire il piccolo nelle ore di punta, che sono quelle che registrano un maggior traffico e quindi maggior inquinamento, ma a metà pomeriggio o tarda mattinata, quando la qualità dell’aria è migliore.

Se si vive in città non è così facile evitare l’inquinamento.

È vero. E allora bisogna cercare di portare il piccolo in zone lontane dalla grande viabilità, come i parchi. Bisogna poi tener conto anche della stagione: in estate è meglio evitare anche le ore molto calde per non far correre il rischio di insolazione e disidratazione al piccolo. Un bambino comunque ha bisogno di uscire di casa, qualsiasi sia la stagione in corso, perché ha bisogno di un ricambio d’aria.

Si dice che i fiori di Bach siano molto efficaci sui bambini e che prevengano molto disturbi, anche quelli causati dallo smog… Cosa ne pensa?

Non sono d’accordo. Se un bambino è sensibile, rimane sensibile. La prevenzione assoluta non esiste.

In breve

Bambini e inquinamento: risponde il pediatra Marziani

“Per proteggere i bambini dai danni dell’inquinamento si possono usare gli umidificatori in casa, per mantenere il giusto grado di umidità, e fare al bambino frequenti lavaggi nasali”.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ovaio policistico a 20 anni: in quanto tempo gli integratori fanno effetto?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Nessun preparato compie miracoli: per contrastare la sindrome dell'ovaio policistico che viene messa in relazione con il sovrappeso è necessario prima di tutto modificare il proprio stile di vita, a partire dall'alimentazione.  »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti