Bambini e smartphone: non più di due ore al giorno

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 28/08/2019 Aggiornato il 29/08/2019

I bambini con meno di 5 anni non devono trascorrere più di due ore al giorno davanti a schermi di televisione, smartphone e videogiochi. Il rischio è una maggiore probabilità di sviluppare disturbi del comportamento

Bambini e smartphone: non più di due ore al giorno

Prima dei 5 anni trascorrere molto tempo davanti a smartphone e simili aumenta di 5 volte il rischio di disturbi del comportamento e dell’attenzione nei bambini. A sostenerlo è uno studio pubblicato sulla rivista Plos One da un gruppo di ricercatori coordinati dalla pediatra Piush Mandhane del Dipartimento di pediatria dell’Università dell’Alberta di Edmonton (Canada).

La ricerca su 3.600 bambini

Per determinare l’esistenza di una potenziale associazione tra bambini e smartphone e e lo sviluppo di problemi comportamentali, i ricercatori hanno esaminato i dati dell’Healthy Infant Longitudinal Development, studio canadese condotto su 3.600 bambini seguiti dalla nascita fino ai 5 anni, volto a indagare l’interazione tra l’ambiente e la genetica nello sviluppo dell’asma e dell’allergia. Dai dati raccolti i ricercatori hanno estrapolato quelli relativi al tempo trascorso ogni giorno davanti agli schermi di videogiochi e smartphone dai bambini di età compresa tra i 3 e i 5 anni, e hanno poi chiesto ai genitori degli stessi bambini di completare il Child Behaviour Checklist, un test utilizzato per identificare i problemi comportamentali nei bambini.

Non più di due ore

I ricercatori hanno rilevato che i bambini tra i tre e i cinque anni trascorrono ogni giorno mediamente davanti agli schermi circa un’ora e mezza. In particolare i ricercatori hanno constatato che si intrattiene più di due ore davanti a smartphone e simili quasi il 14% dei bambini in età prescolare e che questi ultimi, se confrontati con i coetanei che utilizzano gli stessi dispositivi per meno di mezz’ora al giorno, hanno una probabilità di sviluppare disturbi del comportamento e dell’attenzione cinque volte superiore. In generale, dall’analisi dei dati è emerso che i piccoli che fanno un largo uso di dispositivi elettronici corrono un rischio di 7 volte superiore di mostrare comportamenti simili a quelli tipici del disturbo da deficit di attenzione/iperattività (Adhd). “In questo studio siamo riusciti a quantificare la soglia limite di intrattenimento davanti agli schermi per i bambini in età prescolare: abbiamo scoperto che più di 2 ore al giorno aumentano significativamente il rischio di sviluppare disturbi del comportamento”, scrivono i ricercatori.

Sì all’attività fisica

Fare sport, invece, risulta essere un valido alleato per un sano sviluppo, oltre che del corpo, anche della mente. Dallo studio è infatti emerso che i bambini che svolgono più di due ore a settimana di attività fisica organizzata hanno meno probabilità di sviluppare problematiche comportamentali.

 

 

Da sapere!

Per far sì che i bambini utilizzino in modo responsabile i dispositivi elettronici è fondamentale che i genitori diano il buon esempio, alternando loro stessi il tempo trascorso davanti agli schermi con attività sportive e all’aria aperta.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti