Bambini troppo coperti, rischio raffreddore

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/01/2015 Aggiornato il 15/01/2015

Uno degli errori più frequenti nei mesi invernali è quello di coprire i bimbi in modo eccessivo, anche in ambienti molto riscaldati

Bambini troppo coperti, rischio raffreddore

A fare il punto sui comportamenti corretti e quelli da evitare per garantire ai bimbi una stagione in salute, e tenerli lontani dal raffreddore, è il dottor Alberto Villani, vicepresidente della Società italiana di pediatria e primario del reparto di pediatria generale e malattie infettive dell’ospedale Bambino Gesù di Roma. Secondo Villani non servono pozioni magiche, ma regole di buon senso che rispettino i ritmi del bambino e gli garantiscano uno stile di vita sano.

Meglio vestirli a strati

Mamme troppo ansiose attente: potreste essere voi la causa delle malattie, compreso il raffreddore, del vostro piccolo. Proteggere in modo efficace i bambini dalla stagione fredda non vuol dire imbottirli troppo con abiti caldi. L’ideale è vestirli a “cipolla”, ovvero con diversi strati, in modo che siano adeguatamente coperti in qualunque ambiente. Man mano che si passa dal freddo dell’esterno ad ambienti con diverse temperature, si possono infatti spogliare di alcuni strati. In generale, la regola a cui è meglio attenersi per preservare i bimbi da raffreddore e influenza è quella che il piccolo non deve essere coperto più degli adulti.

Uno stile di vita adeguato

Importante è anche lo stile di vita del bambino, che deve essere adeguato all’età: per esempio, non deve mancare un adeguato numero di ore di sonno, almeno 10-12: “Se la mattina deve alzarsi alle 7 – rileva Villani – non può certo andare a letto alle 23”. Fondamentale è poi un’alimentazione sana, in cui vanno banditi i ”fuori pasto”´ e le porzioni troppo abbondanti, cercando di assicurare invece 4-5 porzioni di frutta e verdura tra i pasti principali e la merenda. Rientra in un corretto stile di vita anche mantenere una buona igiene generale, oltre che di denti e naso.

Quando chiamare il medico

Se il piccolo ha qualche linea di febbre o il raffreddore, una mamma sufficientemente esperta può anche non consultare il medico, ma occorre farlo tutte le volte che il bambino si comporta in maniera diversa dal solito, o è particolarmente mogio e abbattuto.

In breve

ALL’ARIA APERTA ANCHE IN INVERNO

Far giocare i bambini all’aria aperta almeno 2-3 volte a settimana e farli camminare è una buona pratica anche quando fa freddo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti