Cosa succede se un bambino guarda troppo il telefono?

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 27/01/2023 Aggiornato il 27/01/2023

A ben il 26% dei bambini piccoli viene concesso l'utilizzo dei dispositivi elettronici in completa autonomia. Il che non è sempre esente da rischi. Scopriamo che cosa comporta per un bambino stare sempre col telefono in mano

Troppo spesso oggi il bambino inizia a usare il telefonino quando è troppo piccolo

Fin dalla tenera età, il rapporto tra il telefonino e il bambino è sempre più stretto e “intimo”. A rivelarlo è un sondaggio condotto dalle associazioni di pediatri ACP, FIMP e SIP in collaborazione con Fondazione Carolina e Meta-Facebook nell’ambito del progetto “Connessioni delicate”. I rischi di questa abitudine ormai consolidata, però, non sono pochi e a tanti livelli.

A che età il bambino inizia a usare lo smartphone?

A circa 800 famiglie italiane è stato chiesto di rispondere a un sondaggio. Lo scopo era quello di indagare le abitudini e i comportamenti tenuti nei confronti del mondo online. I risultati hanno evidenziato una scarsa consapevolezza sul tema da parte delle famiglie, in particolare per quanto riguarda il rapporto tra bambino e dispositivi elettronici.

Scendendo nel dettaglio si  è scoperto, infatti, come ben il 26% delle famiglie permetta ai propri figli, fin dalla fascia di età 1-2 anni, di utilizzare dispositivi a schermo, come lo smartphone, in totale autonomia. Il dato schizza fino al 62% prendendo in considerazione la fascia 3-5 anni, fino all’82% in quella 6-10 anni e a una totalità pressoché definitiva (95%) nei bambini 11-15.

Perché lo smartphone fa male al bambino?

Risultati preoccupanti che evidenziano la scarsa consapevolezza dei genitori su un tema come quello dell’utilizzo prolungato dei device in autonomia da parte del bambinl che, già nel 2018, la Sip (Socierà italiana di pediatria) aveva indicato come fattore di rischio per la salute psicofisica dei piccoli.  In particolare, nell’indagine si sottolineava come il troppo tempo trascorso con gli occhi incollati a uno schermo come quello degli smartphone comportasse riscontri negativi alla vista del bambinl, ma anche al sonno e all’apparato muscolo-scheletrico, con ripercussioni importanti sull’apprendimento e sullo sviluppo cognitivo.

Come togliere il vizio del telefono al bambino?

E non solo, infatti, questo calo delle attenzioni ricevute può indurre anche a un calo sulle traiettorie neuroevolutive dei bambini. La raccomandazione è, quindi, quella di evitare l’utilizzo della smartphone e del tablet prima dei due anni e di limitarlo per le fasce di età successiva: a massimo un’ora al dì per i 2-5 anni e massimo due ore per i 5-8 anni.

Nella battaglia a questo sempre più largamente diffuso problema, giocano un ruolo fondamentale l’informazione e il supporto ai genitori verso una più salda consapevolezza educativa. Perché garantire la sicurezza online  del bambino è indispensabile non solo per una questione tecnologica, ma anche in termini di salute generale e crescita delle nuove generazioni.

 

 

 
 
 

In sintesi

Qual è l’età giusta per dare il telefono al bambino?

La fascia di età compresa tra i 12 e i 14 anni è, secondo gli studi, la più indicata per dare lo smartphone ai bambini.

Quando i bambini possono iniziare a guardare la tv?

Il consiglio degli esperti in merito all’utilizzo della televisione da parte dei più piccoli è quello di evitarla prima dei tre anni e introdurla gradualmente, partendo con pochi minuti al giorno, una volta compiuti i tre anni.

 

 

Fonti / Bibliografia

  • Connessioni Delicate - Minori OnlineCaro Genitore, Connessioni Delicate è un progetto dedicato alla prevenzione e alla cura dei principali rischi per la salute psicofisica che uno scorretto uso dei device – come tablet, computer e smartphone – può causare a bebé, bambini e ragazzi. Il progetto è sviluppato da Fondazione Carolina e Meta in collaborazione con le principali associazioni…
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti