Bimbi e tv: problemi famigliari se per troppo tempo!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/05/2014 Aggiornato il 30/05/2014

Bimbi e tv: troppo tempo trascorso davanti allo schermo è indice di problemi familiari e disagi relazionali

Bimbi e tv: problemi famigliari se per troppo tempo!

Bimbi e tv, un binomio oggetto da sempre di numerose critiche e riflessioni. In effetti, il problema non è tanto guardare la tv quanto il tempo che a essa dedica un bimbo piccolo e il modo in cui questa viene guardata. Nello specifico, la questione bimbi e tv non è preoccupante se si tratta di un cartone animato, visto possibilmente insieme a mamma e papà. La situazione diventa invece più “seria” se il piccolo trascorre ore davanti allo schermo, ancor più se lasciato solo.

Troppa tv, più problemi emozionali

Uno studio della Dean University di Melbourne, pubblicato da Jama Pediatrics, ha stabilito che per ogni ora in più trascorsa incollati allo schermo della tv, i bambini presentano un rischio due volte più alto di avere problemi di tipo emozionale. La ricerca ha coinvolto ben 3600 bambini di età compresa tra due e sei anni, e i loro genitori a cui è stata sottoposta una serie di questionari da compilare.

Famiglia e intrattenimento elettronico

La questione bimbi e tv va di pari passo con il funzionamento della famiglia e le dinamiche temporali e relazionali che in essa si svolgono. Le modalità di contatto all’interno della famiglia determinano, infatti, il numero di ore trascorse davanti al piccolo schermo e ai dispositivi elettronici in generale. Questo tipo di intrattenimento va appunto a sostituire il contatto “faccia a faccia”, quella relazione fisica insostituibile e indispensabile alla crescita serena del bambino.

Più attività fisica e pasti lontano dalla tv

Insieme a uno smodato “consumo” della tv, si rileva una progressiva diminuzione dell’attività fisica, soprattutto se in modalità di condivisione. Se si tratta di bimbi molto piccoli, per attività fisica si intende anche il tempo (prezioso) trascorso al parchetto sotto casa, in compagnia di altri bimbi e di mamma o papà. Lo stesso discorso vale per la pessima abitudine di consumare i pasti davanti alla televisione, prassi che favorisce, oltretutto, sovrappeso e obesità.

In breve

LA RICETTA PER “GUARIRE” LA FAMIGLIA

Ecco che cosa fare: sostituire il contatto virtuale con quello fisico e l’esposizione passiva agli strumenti elettronici con la condivisione e l’ascolto, aumentare il tempo trascorso insieme all’aria aperta, lo sport e la sperimentazione del mondo naturale. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti