Boom di carie nei bambini: attenzione a dieta e igiene

A causa di una dieta troppo ricca di dolci e di una scarsa igiene orale, è boom di carie nei bambini. Ecco come invertire questa tendenza negativa

Boom di carie nei bambini: attenzione a dieta e igiene

I fattori che minacciano la salute di denti e bocca dovrebbero ormai essere conosciuti dai più. Eppure, ancora oggi molte persone commettono una serie di errori. Il risultato? È boom di carie nei bambini, ma non solo. Secondo gli ultimi dati, infatti, il 21% dei bimbi di quattro anni e il 43% dei ragazzi di 12 anni soffrono di carie.

Pochi vanno dal dentista

Responsabile numero uno del boom di carie nei bambini è la cattiva igiene orale. Sono ancora troppi i genitori che non insegnano ai figli le manovre per una corretta pulizia dei denti e che non li sottopongono alle normali visite di controllo. Stando a uno studio del Department of Ppaediatric and preventive dentistry dello Saveetha Dental College di Chennai (India), più della metà dei genitori intervistati non aveva provveduto a portare i propri figli, di età compresa fra i 3 e i 12 anni, al controllo annuale da un dentista. Di conseguenza, nei bambini si sono registrati numerosi casi di carie, placca e tartaro.

Le regole da seguire

“Sono tre i fattori responsabili della carie: le predisposizioni genetiche, l’igiene e l’alimentazione. Sul primo è impossibile intervenire per cui l’unica soluzione per invertire questa tendenza è proteggere la salute dentale dei nostri figli attraverso una costante educazione, sia alla corretta igiene dentale, sia con una scelta più ponderata e consapevole degli alimenti” ha confermato Jacopo Gualtieri, odontoiatra di Lucca, membro dell’Eao (European association for osseointegration). Per questo, mamma e papà devono insistere affinché i bambini imparino a lavare i denti fin da piccoli, dopo ogni pasto con dentifrici studiati appositamente per l’infanzia.

Meno zuccheri

Per quanto riguarda la dieta, è importane insegnare ai bambini a ridurre il consumo di alimenti e bevande ricchi di zucchero, rinunciando all’abitudine di gratificarli con caramelle e cioccolatini. Per contro, devono abituarli a mangiare cibi “anti-carie”, come verdure fibrose, acqua, latte, formaggi stagionati, frutta secca, o cariostatici, come verdure cotte e carne.

 

 

 
 
 

In breve

FIN DAI PRIMI MESI

Per evitare la comparsa della carie, è bene che i genitori curino l’igiene orale dei figli fin dai primi mesi. All’inizio, è sufficiente passare una garza inumidita sulle gengive, poi si può passare allo spazzolino da denti. In questo modo, i bambini prendono anche confidenza con le manovre di pulizia.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Capricci: aiuto, non so gestirli!

La corretta gestione dei capricci è di fondamentale importanza sia per insegnare che esistono regole che non si possono tragredire sia per favorire la resilienza, che è la preziosa capacità di sopportare le frustrazioni e di affrontare le condizioni stressanti rimanendo il equilibrio.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti