Il bambino e le sue capacità a 3 anni

Parla, canta, balla... Ha ormai anche la capacità di memorizzare e si diverte un mondo a ripetere le filastrocche che sente dire dalla mamma o al nido. È molto orgoglioso delle sue capacità e vuole fare da solo

Dice brevi frasi

Il bambino di questa età ha acquisito una buona padronanza di linguaggio e non si limita più ad associare due o tre termini tra loro. Ora è in grado di produrre e pronunciare frasi un po’ più lunghe, anche se non riesce ancora a fare discorsi più complessi. Può dire piccole frasi come “mamma voglio la pasta” oppure “giochiamo con la palla colorata”. Non sa, però, ancora coniugare perfettamente i verbi e utilizzare correttamente le congiunzioni, anche se i suoi esperimenti linguistici si fanno ogni giorno più audaci. È bene ricordare, comunque, che il processo di apprendimento e sviluppo del linguaggio varia molto da bambino a bambino, per cui può succedere che alcuni parlino già molto, anche utilizzando un vocabolario ampio, mentre altri esprimano solo l’essenziale.

Ricorda le filastrocche

A questa età il piccolo, in genere, frequenta la scuola materna: qui le maestre, spesso, gli fanno imparare brevi poesie o filastrocche, magari in occasione del Natale, della festa della mamma o di festicciole organizzate dalla scuola. I bimbi non hanno difficoltà a memorizzare le cantilene apprese e amano ripeterle spesso, anche a casa davanti ai genitori, orgogliosi della propria performance. Può capitare che in certi passaggi si inceppino, saltando qualche parola o inventandosene qualcuna nuova, ma, in genere, si ricordano gran parte della filastrocche. Inoltre è sufficiente che qualcuno (come la mamma, il papà, la maestra o il fratellino) ripeta insieme a lui il testo, perché il bambino lo dica con maggiore sicurezza e con pochissime esitazioni.

Sa svestirsi da solo

Il piccolo ora è in grado di togliersi i vestiti da solo: sa alzare le braccia per sfilare il maglione, slacciarsi i pantaloni, togliersi i calzini. Ancora, però, non riesce a vestirsi senza l’aiuto di mamma o papà: cerca di infilare la maglia, ma difficilmente riesce a coordinare bene i movimenti di braccia e testa, e quando cerca di calzare i pantaloni fa fatica a mantenersi in equilibrio. Ma niente sembra scoraggiarlo. Dai tre anni in avanti, infatti, i bambini amano particolarmente sentirsi grandi e comportarsi come tali: vogliono, quindi, imitare gli adulti anche per quanto riguarda la vestizione. Ecco perché non vogliono che siano i genitori a svestirli e pretendono di farlo da soli anche quando sono stanchi.

È abile con le mani

I bambini, spinti dalla curiosità e dalla voglia di esplorazione, amano pasticciare e lavorare con le mani. Del resto, a questa età, sono molto precisi e abili in tutti i giochi manuali. Così, per esempio, amano giocare con le diverse paste da modellare, creando oggetti e animali. Ma non solo: alla scuola materna, e poi a casa, si dilettano con i collage, non solo con pezzi di carta colorata o con tessuti, ma anche con foglie, piume, nastri, batuffoli di cotone o fili di lana colorata. In genere, i piccoli adorano anche la pittura a dita (tuffare le dita nelle tempere e creare i disegni più improbabili) e i giochi con gli incastri (per esempio, con una tavola di legno dalle sagome scavate, in cui i piccoli devono mettere le forme giuste). In particolare, poi, i maschietti si dilettano a montare e smontare i vari pezzi con le costruzioni.

Sa mettere in ordine

Il bambino, anche se ancora piccolo, è già in grado di assumersi le sue prime responsabilità, come quella di riordinare la sua cameretta. Non si tratta solo di una cosa utile, ma anche necessaria: essere ordinati non significa, infatti, solo trovare un posto per ogni cosa, ma soprattutto avere delle regole che scandiscono i ritmi della giornata e trasmettono sicurezza (così come il neonato aveva bisogno di ordine e abitudinarietà, il bambino più grande ha bisogno di avere dei punti di riferimento). Ecco perché è importante insegnare al piccolo questa buona abitudine. Naturalmente non si può pretendere troppo: si può trasformare il riordino in un gioco da fare insieme, lasciando che il piccolo butti i giochi allegramente in un cestone. È bene non aspettare l’ultimo momento, quando è stravolto dal gioco, ed evitare promesse o minacce, come “se non metti a posto non usciamo”, in quanto servono solo ad aumentare l’antipatia per l’ordine. Nemmeno i premi sono una buona idea perché fanno perdere di vista i motivi per cui si mette in ordine (trovare i giochi l’indomani, poter andare a salutare papà quando torna senza calpestare e rompere la macchinina preferita).

Sa usare lo spazzolino da denti

In realtà, i bambini acquistano il coordinamento necessario per cominciare a usare lo spazzolino da soli, intorno ai due anni di vita. Ma è solo dai tre anni in poi che riescono a compiere i movimenti più difficili e a sputare il dentifricio (che quindi non va introdotto prima di questa età). Per trasformare l’appuntamento con l’igiene orale in un’occasione di gioco si può poi ricorrere a uno spazzolino-giocattolo, tutto colorato o a forma di pupazzetto che abbia le setole morbide, la testina piccola e un’impugnatura adatta alle manine del piccolo. Oppure si può proporre una gara davanti allo specchio: vince chi spazzola i denti più a lungo. I bambini amano le sfide, molto più delle regole. Se però il bambino si rifiuta di usare lo spazzolino, può essere utile puntare sul suo desiderio di sentirsi grande: spiegargli che imparare a lavarsi i denti li rende più adulti può essere più utile che ricorrere a punizioni o ricatti. Intorno ai tre anni e mezzo, poi, (prima i bambini non sono in grado di compiere i movimenti corretti), i genitori dovrebbero insegnare la tecnica giusta per la pulizia: occorre spazzolare sia la facciata esterna dei denti sia la superficie masticatoria. In seguito impareranno a pulire anche la parte interna dei denti (quella rivolta verso la lingua e il palato): questa zona è la più difficile da raggiungere con lo spazzolino, ecco perché sono in grado di farlo solo i più grandi (intorno ai quattro-cinque anni d’età).

Sa mangiare da solo

  • È importante che un bambino di tre anni sappia destreggiarsi con forchetta e cucchiaio: a questa età, infatti, ha inizio la scuola materna, dove in genere il bambino si trattiene per il pranzo di mezzogiorno. A scuola, le educatrici hanno il compito di controllare molti bambini, quindi è impossibile che riescano a dedicarsi solo a quelli che hanno difficoltà ad alimentarsi in modo autonomo. È indispensabile, quindi, che al bambino venga insegnato quanto prima a gestire da solo il meccanismo di portare il cibo da solo dal piatto alla bocca.
  • In questo, non tutti i bambini si comportano allo stesso modo: alcuni piccoli, già verso l’anno e mezzo, pretendono di usare il cucchiaio e, aiutandosi con le mani, poco per volta imparano ad alimentarsi da soli. A comportarsi così sono, in genere, i bambini più sperimentatori oppure quelli che hanno un appetito più robusto.
  • Ci sono però bambini più inappetenti o pigri che non sembrano interessati a questo “cammino verso l’indipendenza” e pretendono di essere ancora imboccati dalla mamma, servendosi del classico ricatto: “Se non mi imbocchi, non mangio”. Si tratta di un meccanismo messo in atto per costringere il genitore, preoccupato che il bambino vada incontro a carenze, ad assecondarlo in questa richiesta.
  • È importante, invece, resistere all’impulso di imboccarlo, in modo che il piccolo si renda il più possibile autonomo: dato che a scuola sarà “obbligato” ad arrangiarsi, è bene che già a casa inizi a prendere confidenza con gli strumenti che occorrono per nutrirsi. Quindi, anche se per una volta o due lascerà parte del cibo nel piatto perché mamma e papà non lo imboccano, non ne risentirà. Al contrario, il bambino capirà che è il momento di imparare a cavarsela da solo e nel giro di poco tempo non avrà più problemi.
Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Massaggi anticellulite: si possono fare mentre si allatta?

I massaggi anticellulite possono essere effettuati tranquillamente durante l'allattamento, anche alla luce di una massima che tutte le neomamme dovrebbero fare propria: tutto quello che le fa sentire meglio si rifette positivamente sul bebè.   »

Fai la tua domanda agli specialisti