Carie: boom tra i due e i cinque anni di età

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 31/03/2014 Aggiornato il 31/03/2014

Secondo un recente studio sono sempre più numerosi i bambini con meno di cinque anni colpiti da carie. Colpa della crisi economica, ma non solo

Carie: boom tra i due e i cinque anni di età

Chi pensa che i denti da latte siano immuni dalla carie è in errore. Anzi, da qualche anno i casi di malattia fra i bambini piccoli sono in netto aumento. La conferma arriva da un report pubblicato recentemente dall’American academy of pediatrics dentistry.

I dati aggiornati

Stando ai dati raccolti dagli esperti americani, negli ultimi anni, i casi di carie nei bambini fra i due e i cinque anni sono aumentati del 17%. Oggi, sei bambini con meno di cinque anni su 10 hanno già avuto almeno una carie. In Italia le cose non vanno molto meglio. I dentisti rivelano che negli ultimi cinque anni, nel nostro Paese, si è registrato un incremento dal 15% al 20% di questa malattia nei dentini da latte che – ricordiamolo – iniziano a cadere solo dopo i sei anni. A tre anni ne è colpito dal 5 al 10% dei piccoli.

Crisi economica e non solo

Sicuramente un peso importante è ricoperto dalla crisi economica. Lo dimostra il fatto che questo problema è più comune nei bimbi di famiglie con basso reddito. Ma questa non è l’unica ragione. Una parte della responsabilità è anche dei genitori. Innanzitutto, molti mamme e papà non curano in maniera adeguata l’igiene orale dei figli. Inoltre, spesso, offrono al piccolo biberon, succhi o bevande zuccherate, incluse camomille e tisane, prima di dormire.

Troppo tardi dal dentista

Infine, occorre considerare che sono pochissimi i genitori che portano i figli dal dentista. Secondo gli specialisti americani, la prima visita andrebbe fatta già a un anno di età. In Italia, non accade quasi mai.  “La prima visita dentistica avviene spesso in ritardo, in presenza di sintomi di danneggiamento o se i denti sono cresciuti non allineati. Invece, non dovrebbe essere posticipata oltre i tre anni di età per prevenire efficacemente molti disturbi” dice Antonella Polimeni, direttore del dipartimento testa-collo del policlinico Umberto I di Roma.

5 consigli utili

Ecco cinque consigli utili per prevenire la carie nei bambini.

1. Passare quotidianamente un panno umido sulle gengive dei bebè.

2. Una volta spuntati i primi denti, cominciare a utilizzare uno spazzolino morbido.

3. Fino a sette anni di età assistere i figli nelle operazioni di pulizia dei denti perché non possiedono ancora movimenti ben coordinati.

4. Non offrire bevande contenenti zucchero nemmeno a bambini e adolescenti.

5. Dall’adolescenza offrire gomme con xilitolo per prevenire la carie.

In breve

LA PREVENZIONE INIZIA IN GRAVIDANZA

I denti del bambino vanno protetti fin dalla gravidanza. Infatti, la mamma può trasmettere ai figli la predisposizione alla carie. Anche per questo, è essenziale rispettare una rigorosa igiene orale per tutti i nove mesi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti