Carie nei bambini: ecco i batteri cattivi

Laura de Laurentiis
A cura di Laura de Laurentiis
Pubblicato il 14/01/2019 Aggiornato il 16/01/2019

Una sofisticata analisi della saliva ha identificato i batteri che più di frequente sono implicati nelle carie nei bambini che si sviluppano prima dei sei anni di età

Carie nei bambini: ecco i batteri cattivi

Non tutti i batteri sono uguali. È stato scoperto, infatti, che in particolare alcuni ceppi di batteri provocano la carie nei bambini anche prima dei sei anni di età.  È quanto emerso da una ricerca condotta da Kimon Divaris della University of North Carolina-Chapel Hill.

Dai genitori ai figli

La ricerca è partita dall’osservazione che nella bocca dei bambini sono presenti numerosi batteri che si riscontrano in quella dei genitori. Esiste cioè una sorta di familiarità anche per quanto riguarda l’ecosistema del cavo orale. L’ipotesi su cui gli studiosi hanno lavorato è che vi siano ceppi batterici capaci di influenzare più di altri lo sviluppo della carie nei bambini. Così, gli esperti hanno raccolto e analizzato il contenuto di microorganismi presenti nella zona sopragengivale di un campione di 118 bimbi di 3-5 anni con o senza carie precoce. Dall’esame è emerso che esistono circa 85 generi di batteri e ben 201 specie diverse. Si è notato, inoltre, che esistono grandi differenze nella composizione batterica delle bocche dei piccoli senza carie,  con carie curate e con carie non trattate.

I batteri implicati

In particolare si è scoperto che nei bimbi senza carie sono più abbondanti i batteri Streptococcus intermedius e Capnocytophaga; nei bimbi con carie curata sono maggiori le quantità di Actinomyces odontolyticus e Streptococcus australis; mentre nei bambini con carie non trattata sono fortemente rappresentati  gli Streptococchi mutans. Questi risultati hanno confermato il sospetto che siano proprio gli Streptococchi mutans i grandi nemici dei denti. Da qui la possibilità un domani di personalizzare sia la prevenzione, arrivando a prevedere il rischio di carie molto prima che si concretizzi, sia la cura.

Le regole universali

La carie non si sviluppa solo per ragioni di familiarità, ovvero per la presenza nel cavo orale di un determinato ceppo di batteri. Anche lo stile di vita ha, infatti, una sua rilevanza nella comparsa della malattia. Di fatto, contano moltissimo sia il tipo di alimentazione, con più o meno zuccheri (i dolciumi sono molto dannosi per i denti) sia la cura che si dedica all’igiene orale, anche in età infantile.   

 

 

 
 
 

Da sapere!

Un dente pulito non si caria: quindi insegnare ai bambini a lavarsi i denti dopo mangiato è quanto di meglio si possa fare come prevenzione.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

Dubbi sulle date delle vaccinazioni

Le date che vengono indicate per vaccinare i bambini sono approvate dalla Comunità scientifica pediatrica, quindi non di deve temere di rispettarle.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti