Come andare bene a scuola: dipende anche dalla memoria a tre anni

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/12/2015 Aggiornato il 29/12/2015

La memoria dei bambini, attorno ai tre anni di età, aiuterebbe a individuare le caratteristiche dei futuri risultati scolastici. Per questo va stimolata fin dai primi anni di vita

Come andare bene a scuola: dipende anche dalla memoria a tre anni

La memoria dei bambini è da sempre oggetto di numerosi studi. Oggi è stato scoperto un nesso molto interessante tra memoria dei bambini (memoria di lavoro) e futuro scolastico. A parlarne è un recente studio canadese, condotto però da una ricercatrice italiana.

A tre e a dodici anni

Sulla rivista Intelligence è stato da poco pubblicato uno studio riguardante la memoria dei bambini. Il campione analizzato comprendeva 1821 bambini dell’età di tre anni, poi incontrati nuovamente e rianalizzati all’età di 12 anni, con test calibrati e differenziati.

È importante la memoria di lavoro

Nello specifico, il primo test ha avuto la forma di un gioco e ha riguardato un’attività manuale che richiedesse memoria visiva. Questo tipo di azione vista, memorizzata e replicata, prende il nome di memoria di lavoro. Il secondo test, invece, è stato poi effettuato all’età di 12 anni sullo stesso campione di bambini. In quest’occasione è stato però analizzato il livello di abbandono scolastico, ovvero la probabilità che questi ragazzini non frequentassero e terminassero poi le scuole superiori.

Percorso scolastico facilitato per chi sa ricordare

I risultati ottenuti dai test hanno evidenziato che chi, a tre anni, aveva mostrato un’ottima memoria di lavoro, era soggetto in modo minore a un possibile abbandono del percorso di studi. Così come, al contempo, una memoria di lavoro elevata si è mostrata strettamente connessa al successo scolastico.

Un aiuto dai libri e dai giochi

Per aiutare la memoria nei bimbi, è importante leggergli tanti libri, stimolarli con molte attività e fare giochi di memorizzazione, come quelli con carte simili tipo Memory, o trova le differenze e le similitudini.

VUOI MIGLIORARE LA MEMORIA TUA E DEL TUO BIMBO CON IL CIBO? LEGGI QUI

 

In breve

SVILUPPARE LA MEMORIA

Perché la memoria nell’infanzia è così determinante? Alla luce dei nuovi studi, pare proprio che una buona memoria di lavoro sia indice di maggior capacità di concentrazione, attenzione e controllo. Requisiti fondamentali per ottenere buoni risultati scolastici e lavorativi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti