Come insegnare ai bambini ad andare in bicicletta

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 12/05/2023 Aggiornato il 12/05/2023

Per andare in bicicletta il bambino ha bisogno di una bici si misura, di uno spazio ampio e pianeggiante e soprattutto deve sentirsi pronto e motivato a imparare

Non c'è un età precisa per insegnare ai bambini ad andare in bicicletta. Importante è rispettare i loro tempi, non forzarli, sostenendoli sempre e incoraggiandoli

Andare in bicicletta è divertente, è un passatempo sano che mantiene in forma e fa bene all’umore. Non sempre, però, per i bambini abituati alla sicurezza della piccola bici con le rotelle, imparare a usare la bicicletta dei grandi è così semplice. Con qualche piccolo accorgimento e un poco di pazienza, noi genitori possiamo aiutarli, ecco come.

Non per tutti il momento è lo stesso

Partiamo dicendo che non esiste un’età precisa per imparare ad andare sulla bicicletta senza rotelle. Alcuni bambini si sentono pronti già a tre anni, altri più cauti aspettano fino ai cinque-sei anni. Imparare ad andare in bicicletta dipende da diversi fattori, tra i quali la predisposizione personale, le abitudini della famiglia (un bambino con genitori che usano la bici sarà spinto a imitarli), occasioni per usare la bici (per esempio, avere un giardino o un ampio spazio vicino a casa favorisce la possibilità di imparare). È bene attendere che sia il bambino a comunicarci di voler imparare e di essere pronto. Forzarlo, facendo paragoni del tipo “guarda il tuo amico, ha la tua età e sa già andare in bicicletta” potrebbe sortire l’effetto opposto. Il bambino potrebbe infatti sentirsi sfiduciato nell’uscire perdente da questo confronto.

I consigli per iniziare bene ad andare in bicicletta

Qualche suggerimento può essere utile per i primi giorni in cui il bambino ha deciso di imparare ad usare la bici senza rotelle.

Scegliere la bici. Per imparare ad andare in bicicletta è essenziale prima di tutto scegliere il mezzo giusto, ossia una bicicletta a misura del proprio bambino. È inutile acquistare una bicicletta troppo grande, pensando che gli sarà utile crescendo. Non va bene nemmeno prendere una bici piccola pensando che si trovi più a suo agio. Il mezzo deve consentire il movimenti giusti, la pedalata ampia, la possibilità di appoggiare i piedi per terra, l’impugnatura agevole con le braccia salde ma morbide.

Prendersi del tempo. Nel dedicarsi a insegnare al proprio bambino ad usare la bici, è bene avere almeno una mattinata o un pomeriggio liberi a disposizione. Il piccolo proverà e riproverà, forse si arrabbierà per i primi fallimenti, poi si calmerà e vorrà riprovare. Una volta imparato si rifiuterà di smettere per tornare a casa. Meglio, quindi, non avere limiti di tempo.

Trovare il luogo giusto. Il posto ideale per imparare i rudimenti della bici senza rotelle è uno spazio pianeggiante abbastanza vasto, sia in lunghezza sia in larghezza. Lo spazio in avanti è indispensabile per prendere sicurezza e procedere abbastanza rapidamente per acquisire stabilità. Lo spazio laterale ci deve essere in modo che non ci siano ostacoli ai primi, normalissimi sbandamenti del bambino. La superficie giusta è asfalto oppure la texture in tartan dei parchi gioco.

Andare in bicicletta, suggerimenti per le prime volte

Pedalare con le rotelle e senza sono due principi del tutto differenti, perché il primo si basa sulla presenza di supporti (le rotelle, appunto), mentre la bici senza rotelle fonda l’equilibrio sulla velocità. In pratica il bambino inizia da zero. Può essere utile eliminare i pedali e le rotelline dalla vecchia bici e suggerire al bambino di spingersi con i piedi, sollevandoli ogni tanto per procedere solo grazie alla velocità acquisita. Una volta che il piccolo ha acquisito una buona stabilità nello spingersi avanti con i piedi, è il momento di proporre la bicicletta senza rotelle. Il bambino imparerà a darsi la spinta e a pedalare, anche se all’inizio sbanderà e metterà presto i piedi a terra. Deve infatti acquisire confidenza con la velocità. Il genitore può stargli accanto, anche appoggiandogli una mano sulla spalla, lievemente, per infondergli coraggio e sensazione di stabilità.

Gli errori da evitare

Sarà necessario provare più volte per riuscire a fare un piccolo tratto pedalando da solo. Cerchiamo di armarci di pazienza perché l’unico modo per imparare ad andare in bicicletta è allenarsi molto, nelle prime uscite. Evitiamo di sovraccaricare di ansia e aspettative il bambino, rimproverandolo per i primi fallimenti, per non ingenerare un meccanismo di rifiuto. È inutile anche, se non controproducente, reggerlo dal sellino o dal manubrio, lasciandolo improvvisamente quando inizia a pedalare: potrebbe spaventarsi e cadere. Infine, se il bambino non è pronto, è meglio lasciare perdere per qualche tempo e poi riprovare se lo chiede. Imparerà sicuramente e potrà godere di tutti i benefici di un’attività fisica divertente e benefica per la forma fisica.

 

 

 
 
 

In sintesi

Per imparare ad andare in bicicletta, oltre alla bici della giusta misura per il bambino, occorrono uno spazio ampio e un terreno pianeggiante, ma soprattutto il bambino deve sentirsi pronto e motivato. Rimproverarlo e fare confronti non aiuta, lasciamo che ci faccia capire quando è pronto.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti