Come intervenire contro i pidocchi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/05/2013 Aggiornato il 30/05/2013

Appena il bambino si gratta la testa, in famiglia scatta la paura che sia infestato da questi piccoli e contagiosissimi insetti. Ecco i rimedi più efficaci contro i pidocchi

Come intervenire contro i pidocchi

L’unico rimedio davvero efficace contro i pidocchi è la rimozione del parassita e delle sue uova. I prodotti farmacologici consigliati non escludono, infatti, la possibilità che alcune uova (lendini) restino vive e ben attaccate al capello; proprio per questo, il trattamento viene generalmente ripetuto. In genere, poi, quando si tratta di bambini è meglio prediligere creme, gel o schiume specifici contro i pidocchi, piuttosto che lozioni che potrebbero risultare irritanti. È doverso comunque sottolineare quanto ultimamente siano in aumento i casi di infestazione di pidocchi (per non parlare, di un caso di scabbia registratosi di recente a Milano…).

I farmaci tradizionali

Piretrine naturali

Sono composti chimici che si estraggono dal piretro, ricavato dai fiori di alcune specie di Chrisantemum. Sono in genere ben tollerati e non danno fenomeni di resistenza, né dermatiti o riniti.

Piretroidi

Piretrine di sintesi, sono uguali come efficacia e  meccanismo di azione delle piretrine naturali, ma sono meno sensibili al calore e alla luce, quindi più stabili, e con un’azione più prolungata nel tempo anche dopo la rimozione del prodotto. Con questi prodotti è sempre necessario ripetere il trattamento dopo una settimana, in quanto svolgono la loro azione prevalentemente contro i pidocchi adulti mentre sono meno efficaci sulle uova. Purtroppo possono provocare irritazioni e pruriti locali, che però scompaiono nel giro di un giorno.

Malathion

Provoca la paralisi respiratoria del pidocchio; ha, però, alcuni effetti collaterali: in particolare, se viene assorbito per via cutanea può provocare ipersudorazione, ipersalivazione e problemi intestinali. Per questa ragione, è sconsigliato per i bambini che hanno il cuoio capelluto più permeabile.

I prodotti naturali

In alternativa ai farmaci, si possono usare prodotti naturali che non hanno effetti collaterali. Tra i più utilizzati, ci sono oli essenziali di timo, lavanda, origano, anice e noce di cocco, che hanno proprietà antimicrobiche e insetticide e inducono una crisi respiratoria nel parassita. Anche l’Olio di Neem è efficace nella lotta contro i pidocchi. Al contrario, rimedi popolari un tempo considerati validi, come aceto o maionese, non sono utili per debellare l’infestazione ma possono, al limite, alleviare il prurito.

Come va fatto il trattamento

Una volta scelto il prodotto da utilizzare, è importante leggere bene tutti i passaggi indicati sulla confezione per impedire il “ritorno” delle uova. Quindi, si deve…
– applicare il prodotto lasciandolo agire per il tempo indicato;
– lavare i capelli con uno shampoo specifico e risciacquare con aceto (l00 g in un litro di acqua calda);
– strofinare i capelli con olio di oliva o passare il pettinino di metallo (a denti molto fitti);
– rimuovere le uova  pettinando accuratamente ciocca per ciocca partendo dalla radice del capello;
– ripetere tutta l’operazione con il pettine dopo una settimana  (periodo di incubazione delle uova).
Se dopo 8-12 ore dall’applicazione del prodotto qualche insetto è ancora visibile ma i suoi movimenti sono lenti, non è necessario ripetere il trattamento: in ogni caso, mai usare più di 3 volte lo stesso prodotto.
Se non si notano insetti morti e si ha l’impressione che gli insetti siano vitali come prima, è consigliabile consultarsi con il pediatra o il farmacista.

In breve

TRE CONSIGLI IN PIU'

1. Lavare tutti i vestiti e la biancheria da letto in acqua calda con detergente oppure a secco, oppure lasciarli all’aria aperta per 48 ore (i pidocchi non sopravvivono lontano dal cuoio capelluto). Lo stesso va fatto anche per i pupazzi di pezza e i peluche.
2. Lavare accuratamente pettini e spazzole.
3. Controllare i capelli del bambino ogni 2-3 giorni.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti