Crescita fisica del bimbo a 4 anni

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 26/01/2015

I maschietti sono facilmente affascinati dal pallone, che imparano a calciare con sempre maggior precisione... Le femminucce, invece, amano travestirsi... da fate, da dame o anche solo con gli abiti della mamma

Crescita fisica del bimbo a 4 anni

Sa arrampicarsi con disinvoltura

Via via che cresce il bambino è sempre più animato da una forte voglia di avventura e da uno spiccato senso di esplorazione, che lo spingono a compiere anche “imprese” che, agli occhi degli adulti, sembrano estreme. I bambini di questa età si arrampicano, infatti, facilmente sui mobili, ma anche sui giochi al parco o sugli alberi in giardino. Del resto, ora hanno sviluppato le capacità motorie e di coordinazione necessarie a svolgere tutti questi movimenti. Tuttavia ci sono alcuni bambini, e soprattutto bambine, più timorosi che hanno ancora alcune esitazioni ad arrampicarsi troppo in alto: in questo caso è bene incoraggiarli, senza però mai forzarli a fare qualcosa di cui hanno paura.

È più abile con il pallone

Anche ora che è un po’ più grande, il bambino non abbandona la palla, anzi, è proprio a partire da questo momento che comincia a essere più abile nell’utilizzarla. Quando qualcuno gli lancia la palla, il piccolo è in grado di afferrarla con le braccia. Inoltre, riesce a correre calciando la sfera, anche se a volte inciampa e deve fermarsi. Il piccolo inizia anche a imparare alcuni giochi con il pallone, come tirarlo verso un obiettivo o fare gol. I piccoli amano molto giocare con la palla al parco, ma spesso chiedono anche una palla morbida per giocare in casa: la tirano verso il soffitto e poi cercano di riafferrala, la lanciano al fratello o contro il muro.

Gioca volentieri con gli altri bambini

Con la crescita aumentano anche le occasioni per il bambino di stare in mezzo ai coetanei e socializzare. Ormai è da almeno un anno che, in genere, frequenta la scuola materna e quindi frequenta altri bambini: è normale perciò che stia più volentieri rispetto a prima in mezzo ai coetanei. È proprio a partire da questa età, infatti, che il bambino si sente particolarmente attratto dal gruppo e cerca di entrarvi in modo cooperativo, attuando diverse “strategie” come lo scambio dei giocattoli, oppure proponendosi in modo aggressivo, cioè imponendo di fatto la propria presenza. A questa età, però, le interazioni con gli altri bambini sono ancora limitate a momenti piuttosto brevi.

Si traveste

A questa età il bambino ama sempre di più i giochi di finzione e di travestimento, in cui immagina di essere un altro. Le bambine adorano vestirsi come delle principesse o delle signore e rubano vestiti e trucchi della mamma per giocare a “fare le donne”. I maschietti, invece, preferiscono imitare i loro eroi, personaggi classici o nuovi “divi” della televisione. I piccoli, infatti, in questa fascia d’età, sono in grado di cogliere le caratteristiche peculiari dei loro beniamini, osservandole nei programmi televisivi o in videocassetta o dvd, e poi di imitarle nei loro giochi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti